CategoryPiante psamófilas

ciliata Spartina

ciliata Spartina , comunemente espartillo , è una specie di prato nella sottofamiglia chloridoideae . originario di Argentina e Uruguay .

Descrizione

Appare questo erba nativo sulle spiagge. Recumbent ha canne sulla sabbia. Emette rizomi che ti permette di impostare la terra; essendo una sorta di “pioniere” e contribuisce alla formazione di dune .

Tassonomia

ciliata Spartina è stato descritto da Adolphe Théodore Brongniart e pubblicato nel Voyage Autour du Monde 2 (2): 15 t. 2. 1829. 1

etimologia

Spartina : nome generico deriva dalle parole greche spartine (una corda fatta di Sparto , Spartium ), che si riferiscono alle foglie fibrose. 2

ciliata : appellativo latino significa “ciliated”. 3

sininimia
  • ciliata Solenachne (Brongn.) Herter
  • Solenachne phalaroides Steud.
  • coarctata Spartina Trin. 4

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ” ciliata Spartina ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 14 febbraio 2015 .
  2. Torna alla cima↑ (in inglese) Watson L, Dallwitz MJ. (2008). “L’erba genera del mondo: le descrizioni, le illustrazioni, identificazione e recupero delle informazioni; Compresi i sinonimi, morfologia, anatomia, fisiologia, fitochimica, citologia, classificazione, agenti patogeni, mondo e la distribuzione locale, e riferimenti ” . The Grass Genera del mondo . Estratto 25 febbraio, 2010 .
  3. Torna alla cima↑ In epiteti botanico
  4. Torna a inizio pagina↑ ” ciliata Spartina ” . La lista impianto . Estratto 14 febbraio 2015 .

rheum palaestinum

Rheum palaestinum è una specie di pianta da fiore di rabarbaro , indigena di Israele e la Giordania , con alta efficienza di uso dell’acqua per la produzione di biomassa . 1 2

La pianta ha foglie larghe, rigida, con la superficie ceroso, e dispone di canali in grado di affrontare qualsiasi goccia d’acqua alle sue radici.

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ “In Israele, una pianta del deserto stesso acque” .
  2. Torna a inizio pagina↑ luglio 2009 / content_11636635.htm “I ricercatori decifrare meccanismo di auto-irrigazione israeliana di deserto di rabarbaro” .

Panicum urvilleanum

Panicum urvilleanum , è una specie di pianta erbacea appartenente alla famiglia delle graminacee .

Descrizione

Si tratta di un erba perenne rizomatosa , medie – dimensioni, si sviluppa principalmente in motozappe isolate, che possono arrivare fino a 12 dm alto. L’infiorescenza è un rubinetto aperto con rami laterali.

Distribuzione

In origine sud-ovest degli Stati Uniti. UU. : California , Arizona ; e del sud America del Sud : Perù , Argentina , Cile , Uruguay .

Tassonomia

Panicum urvilleanum è stato descritto da Carl Sigismondo Kunth e pubblicato nel Révision des graminées 2: 403 t. 115. 1831. 1

etimologia

Panicum : nome generico è un antico nome latino per il miglio comune ( Setaria italica ). 2

urvilleanum ; epiteto

sininimia
  • Monachne urvilleana (Kunth) Herter
  • Panicum megastachyum J.Presl
  • Panicum patagonicum Ierone.
  • Kunth Panicum preslii
  • Panicum reversipilum Steud. 3 4

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ” Panicum urvilleanum ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Richiamato il 23 luglio, 2014 .
  2. Torna alla cima↑ (in inglese) Watson L, Dallwitz MJ. (2008). “L’erba genera del mondo: le descrizioni, le illustrazioni, identificazione e recupero delle informazioni; Compresi i sinonimi, morfologia, anatomia, fisiologia, fitochimica, citologia, classificazione, agenti patogeni, mondo e la distribuzione locale, e riferimenti ” . The Grass Genera del mondo . Archiviata da quello originale il 24 novembre, 2015 . Estratto 29 gennaio 2010 .
  3. Torna a inizio pagina↑ ” Panicum urvilleanum ” . La lista impianto . Richiamato il 22 luglio 2014 .
  4. Torna a inizio pagina↑ ” Panicum urvilleanum ” . Royal Botanic Gardens, Kew : Mondo Lista di controllo di famiglie di piante selezionate . Richiamato il 22 luglio 2014 .

Ononis variegata

Ononis variegata è una specie psammophyte appartenente alla famiglia delle Fabaceae .

Descrizione

Erba annuale , ramificato alla base, di breve e postarda con steli fino a 25 cm. Le foglie unifoliolate, abbracciando lo stelo alla sua base, e sono un po ‘carnoso e luminoso. Foliole ovale stretto, bluastro – verde, frastagliato e con i nervi cospicue. Parte inferiore della pianta spesso sepolto nella sabbia . I fiori di colore giallo limone , sono disposti in piccoli grappoli densi sul breve e peloso steli. Il petalo banner (il più grande) è peloso sul rovescio. Il frutto è un legume hairless più breve e più o meno. Essa fiorisce in primavera. 1

Distribuzione e habitat

Dall’altra parte del Mediterraneo , ma assente il Isole Baleari , la Francia e l’ex -Jugoslavia . 2 cresce in litorali di sabbia e dune.

Tassonomia

Ononis variegata è stato descritto da Linneo e pubblicato nel Species Plantarum 2: 717. 1753. 3

etimologia

Ononis : nome generico deriva dal nome greco classico usato da Plinio il Vecchio a repens Ononis , una delle diverse storiedel Vecchio Mondo ha fusti legnosi, fiori ascellari rosa o viola e trifogliate lascia con volantini dentate. 4

variegata : appellativo latino significa “erica” 5

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ Tom C. Henn (2006): Guida ai Wildflowers di Chiclana . Chiclana de la Frontera: Argomenti Chiclaneros biblioteca. ISBN 84-934372-7-1
  2. Torna alla cima↑ Blamey, Marjorie; Christopher Grey-Wilson (2008). Fiori di campo Mediterraneo . Barcellona: Omega. ISBN 978-84-282-1450-6 .
  3. Torna alla cima↑ ‘ Ononis variegata ‘ . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 4 maggio 2015 .
  4. Torna alla cima↑ In nomi botanici
  5. Torna alla cima↑ In epiteti botanico

Mesembryanthemum nodiflorum

Algazul, COSCO, cofe cofe-o Gazul ( Mesembryanthemum nodiflorum) , pianta erbacea papiloso-ialino, glaucous, verde o rossastro, di piccole dimensioni, della famiglia di Aizoaceae

Morfologia

Visualizza steli 2-22 cm, eretti o decumbent, molto ramificato dalla base, carnosa. Le sue foglie sono sub – colonnare e papillosi, verde l’ inizio e viola a scadenza, lungo 1-4 cm di lunghezza e 1-2 mm di larghezza, basale e superiore alternato opposto. Fiori bianchi solitari 1 cm di diametro, sepali disuguale, grossolano, papillosi, e petali di circa la stessa dimensione come i sepali, bianco o giallo. Antere gialle. I semi di 0,8-1 di 0,5-0,6 mm , triangolare o semi – circolare, colore bruno-rossastro, verrucoso.

La vita e la riproduzione

Si Fiorisce da febbraio a luglio. ciclo annuale ( terófito ). Una molla tarda acquista il suo caratteristico colore rosso. Funziona su terreni nudi.

Habitat

Rocky e terra costiera sabbiosa ( rupicola e psammofile ). Vive in zone molto calde, terreni salini ( halófila ).

Distribuzione

Regione del Mediterraneo , Penisola Iberica (sia la costa mediterranea e atlantica), Alborán , Isole Canarie , Nord Africa .

Usi

E ‘stato utilizzato per ottenere soda . I loro semi estratti la originario delle Canarie gofio .

Tassonomia

nodiflorum Mesembryanthemum è stato descritto da Linneo e pubblicato nel Species Plantarum 1: 480. 1753. 1

etimologia

Mesembryanthemum : nome generico è stato dato da Linneo , seguendo Dillenius , e presuppone che il nome indica che l’embrione è di solito posto incentro del fiore (la greca : mesos = “postacentro” e Embryon = “essere appena nato” // bot “germe” ;. e ANTHEMON = “fiore”). Al contrario, Breynius , creatore della parola, scrive Mesembrianthemum e spiega la sua etimologia partendo dal presupposto che i loro fiori aperti a mezzogiorno ( Mesembria = “mezzogiorno” e ANTHEMON = fiore). 2

nodiflorum , appellativo di Latina Nodus (nodo o nodoso), e Floro (fiore), facendo riferimento ai fiori che emergono dai nodi della gambi .

sininimia
  • nodiflorum Cryophytum (L.) L.Bolus , 1927
  • nodiflorum Gasoul (L.) Rothm. , 1941 3 4

Nome comune

  • Castigliano: agazul, Aguazul, aiguazul, algazul, Canutillo, Gazul, gulluricos, vetro yerba. 3

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ‘ Mesembryanthemum nodiflorum ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 5 aprile 2013 .
  2. Torna a inizio pagina↑ Flora Ibérica
  3. ↑ Vai a:un bMesembryanthemum nodiflorum ” . Royal Botanic Garden : progetto di Anthos . Estratto 26 novembre 2009 .
  4. Torna a inizio pagina↑ Mesembryanthemum nodiflorum in PlantList

Lampranthus multiradiatus

Lampranthus multiradiatus ( raggio di sole ) è una species di pianta ornamentale appartenente alla family del Aizoaceae . E ‘nativo e endemica al Sud Africa .

Caratteristiche

Si tratta di una erbacea , perenne , grigio fogliame verde, strisciante, rami estesi, lascia falcate, sessili, carnoso, di forma triangolare, fiori vari vortici di petali di viola, rosa, crema, bianco, arancio, lilla, o rosso a seconda sulla la varietà .

Si tratta di una succulenta pianta sempreverde che raggiunge una dimensione di 60 cm di altezza e di larghezza, e si trova ad una altitudine di 50 a 1000 metri in Sud Africa .

Si può sopravvivere a un breve periodo di congelamento a -7 ° C.

Tassonomia

Lampranthus multiradiatus è stato descritto da ( Jacq. ) Nebr. e pubblicato nel Chronicle I giardinieri , ser. 3 87 (2255): 212. 1930. 1

etimologia

Lampranthus : nome generico deriva dalle parole greche : Lampros = “brillante” e Anthos = “fiore” che si riferisce ai suoi fiori luminosi.

multiradiatus : epiteto latino che significa “con molti raggi floreali.” 2

sininimia
  • Lampranthus roseus ( Willd. ) Schwantes
  • Mesembryanthemum roseum Willd. ( 1809 )
  • Mesembryanthemum multiradiatum Jacq. basionym 3 4

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ‘ Lampranthus multiradiatus ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 5 aprile 2013 .
  2. Torna alla cima↑ In epiteti botanico
  3. Torna a inizio pagina↑ Lampranthus multiradiatus in PlantList
  4. Torna a inizio pagina↑ ‘ Lampranthus multiradiatus ” . Conservatorio e giardino botanico della città di Ginevra : africano Flora . Estratto 25 luglio, 2011 .

Ipomoea pes-caprae

Ipomoea pes-caprae ( batatilla o spiaggia churristate o bejuco spiaggia ) è una specie botanica di vite comuni tropicale della famiglia delle Convolvulaceae .

Habitat

Essa cresce nelle parti superiori di spiagge e tollera aria salmastra. Si tratta di uno dei più comuni e diffusi piante tolleranti al sale e fornisce uno dei più noti esempi di dispersione oceanica ( in inglese ). I suoi semi galleggiante e non sono influenzati da acqua salina.

Questo vitigno strisciante cresce molto bene sulle rive del spiagge del limite di alta marea, formando grandi colonie.

Descrizione

Si tratta di una erbacea robusta, succulento, di stelo strisciante prostrato, si estende su 15 metri , lascia semplice, si alternano, reniformi (rene – a forma di), coriacea.

Secerne lattice lattea. Fiori appariscenti viola o rosate, campanulares, all’interno del collo sono di un colore molto intenso; filamenti, stami, la stigmatizzazione e stile bianco; i fiori sono un solo giorno.

Spesso i fiori e le foglie sono apprezzati dagli erbivori.

I frutti sono capsule, deiscenti una volta asciutto, 4 semi in ogni brown capsula scuro, vellutato molti peli corti. Questi semi sono ricchi di molto velenoso per cercare di mangiarli, fatta eccezione per le sostanze chimiche Coleotteri famiglia di punteruoli ( Bruchinae ) il cui nome scientifico è Magacerus leucospilus .

Si trova sulle spiagge di sabbia nelle zone tropicali dell’Atlantico, del Pacifico e Indiano. E ‘comune nelle dune dell’Australia alts nella costa settentrionale di New South Wales e lungo la costa del Queensland .

E ‘una buona sabbie stabilizzatore primarie, una delle prime specie di colonizzare dune .

Usi

E ‘noto in Messico come Riñonina o Rompepiedra, per uso terapeutico contro i calcoli renali.

Tassonomia

Ipomoea pes-caprae è stato descritto da ( L. ) R.Br. e pubblicato nel racconto di una spedizione per esplorare il fiume Zaire 477. 1818. 1

etimologia

Ipomoea : nome generico deriva dal greco ips , IPO = “verme” e homoios = “simile”, per l’abitudine mercuriale della loro steli. 2
pes-caprae : epiteto che è dovuta a foglia morfologia PES-caprae = similitudine capre impronta dello zoccolo alla forma della foglia.

sininimia
  • Ipomoea pes-caprae var. biloba ( Forssk. ) Hallier f.
  • Ipomoea biloba Forssk.
  • pes-caprae Convolvulus L. 3
  • Convolvulus bilobatus Roxb.
  • Convolvulus brasiliensis L.
  • Convolvulus Desr maritimus.
  • Ipomoea bilobata var. emarginata (Hallier f.) Williams
  • Ipomoea brasiliensis (L.) G. Mey.
  • Ipomoea maritima (Desr.) R. Br.
  • Subsp Ipomoea pes-caprae. brasiliensis (L.) Ooststr.
  • Ipomoea pes-caprae var. emarginata Hallier f.
  • Latrienda brasiliensis (L.) Raf. 4

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ‘ Ipomoea PES-caprae ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Richiamato il 21 luglio 2014 .
  2. Torna alla cima↑ [1] Ipomoea GRIN / USDA
  3. Torna a inizio pagina↑ Sinonimi Tela Botanica
  4. Torna a inizio pagina↑ Sinonimi Tropicos

bonariensis Hydrocotyle

bonariensis Hydrocotyle , acqua muñequita o acqua redondita è una specie botanica di piante erbacee perenni , bulbosa , la famiglia della Araliaceae

Descrizione

Essa ha foglie rotonde, luminoso verde, insieme a piccioli verticali. Raggiunge i 15 cm di altezza, e non tollera il gelo più forte. 1

Ecologia

Gli steli e le radici nei nodi e si diffonde rizomi. Dehiscente produce un dado che alla scadenza di due o più parti è diviso, ognuno con un solo seme. 2

Vive in aree sabbiose delle condizioni un po ‘estreme, terre molto secche che vengono inondati, a volte. Si trova in associazione con Ipomoea pes-caprae , Senecio Crassiflorus , Juncus acutus , 3 codominando con Imperata brasiliensis e Bacopa monnieri 4

Tassonomia

Il genere è stato descritto da Jean-Baptiste Lamarck e pubblicato nel Encyclopédie Méthodique, Botanique 3 (1): 153-154. 1789. 5

sininimia
  • Hydrocotyle bonariensis Comm. ex Lam. ,
  • Hydrocotyle multiflora Ruiz & Pav. ,
  • Petiolaris Hydrocotyle DC. ,
  • Hydrocotyle yucatanensis Millsp. ,
  • Hydrocotyle caffra Meisn. 6
  • Hydrocotyle umbellata subsp. bonariensis (Lam.) Drude 1898 7

Vedi anche

  • terminologia descrittiva delle piante
  • Storia di Botanica
  • Caratteristiche delle Araliaceae

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Hydrocotyle bonariensis in piante palustri
  2. Torna a inizio pagina↑ “Ecologia di Cumberland Plain Woodland * Hydrocotyle bonariensis ‘ . argomenti scientifici caldi . Dipartimento di Ambiente e cambiamenti climatici, i giardini botanici fiducia . Estratto 25 aprile 2008 .
  3. Torna alla cima↑ Schardosim, Alecsandro; Klein Vanilde, Citadini-Zanette, Robson dos Santos (settembre 2007). “Município non floristica e comunitaria estrutura erbacea Restinga di Araranguá, Santa Catarina ‘ . Biotemas 20 (3): 15-26. – 1643 . Estratto 25 aprile 2008 . Un uso improprio del modello di collegamento ( Link disponibile su Internet Archive , vedere la storia e la versione più recente ).
  4. Torna a inizio pagina↑ ‘habitat di PRAIAS do Atlântico ” . DESCRIÇÃO DO SITE (in portoghese) . BRASILIANO A LUNGO TERMINE DI RICERCA ECOLOGICO (LDPE). Archiviata da quello originale il 24 novembre, 2015 . Estratto 20 Aprile 2008 .
  5. Torna alla cima↑ ‘ bonariensis Hydrocotyle ‘ . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Richiamato il 14 Agosto 2013 .
  6. Torna a inizio pagina↑ Sinonimia in Commons
  7. Torna alla cima↑ sinonimia
  1. A. Correa, MD, C. & M. Stapf Galdames. 2004. Cat. Pl. Vasc. Panama 1-599. Smithsonian Tropical Research Institute, Panama.
  2. Cowan, CP 1983. Flora di Tabasco. annunci fioraio. Messico 1: 1-123.
  3. Davidse, G., M. Sanchez Sousa, S. & F. Knapp Chiang Cabrera. 2009. cucurbitacee a Polemoniaceae. 4 (1): 1-855. In Davidse G., M. Sanchez Sousa, S. & F. Knapp Chiang Cabrera (eds.) Fl. Mesoamer .. Università Nazionale Autonoma del Messico, Messico.
  4. Forzza, RC 2010. Flora Lista Specie do Brasil http://floradobrasil.jbrj.gov.br/2010 . Jardim Botanico do Rio de Janeiro, Rio de Janeiro.
  5. Jørgensen, PM & S. Leon-Yanez. (Eds.) 1999. Cat. Vasc. Pl. Ecuador, Monogr. Syst. Bot. La signorina. Bot. Gard. 75: I-VIII, 1-1181. Missouri Botanical Garden, St. Louis.
  6. Mathias, ME 1936. Il genere Hydrocotyle nel nord del Sud America. Brittonia 2 (3): 201-237.
  7. Nelson, CH 1976. Alcune piante Dipartimento di Ocotepeque, Honduras. Ceiba 20 (1): 27-41.
  8. Novelo, A. & L. Ramos. 2005. vegetazione acquatica. Cap. 5: 111-144. In Biodivers. Tabasco. CONABIO-UNAM, Messico.
  9. Perez, A., M. Sanchez Sousa, AM Hanan-Alipi, Chiang Cabrera F. & P. ​​Tenorio L. 2005. terrestre vegetazione. 65-110. In Biodivers. Tabasco. CONABIO-UNAM, Messico.

hyalis argentea

Hyalis argentea , comunemente Olivillo , Clavelillo , è una specie di pianta della famiglia delle Asteraceae .

Caratteristiche

Si tratta di un erba forte, fogliame luce di cenere verde, con una esteso sistema radicale rizomatoso un orizzontale o obliquo, 4-5 mm di diametro, permettendo colonizzare molto efficace terreno sabbioso. Foglie semplici, sottili, lanceolate, margini intero, densamente pelosa uniformemente distribuiti in tutto il gambo, 5-12 x 0,4-1 cm . Arriva fino a 1 m di altezza, molto ramoso steli e striata, coperto di peli incolori. Fiori Hosta, dimorphic, infiorescenze in capitoli disposti ai vertici di steli . Frutta acheni oblanceolate, un po ‘ – compresso, a 6 mm , con cardi , che facilitano la dispersione dal vento.

fioritura
spargendo semi

Habitat

terreni sabbiosi di dune . Appare su pendii e creste delle dune attive, in cui il substrato è mobili in terreni e consolidata come parte di pascolo. Nelle dune è associato con rigens Sporobolus e Panicum urvilleanum . Nella provincia di Buenos Aires si trova nel sud delle dune di sabbia del Mediterraneo. 1

Si tratta di una specie endemica nelle regioni aride del dell’Argentina che, insieme con l’ erbe “tupe” ( Paspalum racemosus ) e “Unquillo” ( Sporobolus rigens ) sono le specie più caratteristiche della vegetazione naturale delle dune .

Tassonomia

Hyalis argentea è stato descritto da D. Don ex Hook. & Arn. e pubblicato nel Companion to Botanico Magazine 1: 108. 1835. 2

etimologia

Hyalis : nome generico deriva dal greco che significa “trasparente”, alludendo al suo fogliame cinereo.

argentea : appellativo che significa “argento” con un doppio significato, per l’Argentina e per il colore argento.

varietà
  • Hyalis argentea D. Don ex Hook. & Arn. var. latisquama 1951
  • Hyalis argentea D. Don ex Hook. & Arn. var. macrosperma F. A. Roig 1970 3
sininimia
  • Plazia argentea ( Deodar ) Kuntze 4

Nome comune

  • Olivillo, maqui, olivo selvatico, Olmillo, maqui, romerillo, Blanquilla, Clavelillo. 5

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ http://www.fundacionazara.org.ar/Down/Plantas_vasculares.pdf
  2. Torna a inizio pagina↑ ‘ hyalis argentea ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 14 agosto 2012 .
  3. Torna alla cima↑ http://www.kew.org/searchepic/detailquery.do;jsessionid=A4A709040F7600C0CA79E2C0EF4F528E?requiredPage=1&scientificName=Hyalis+argentea&datasources=ipni&datasources=mc&datasources=kr&datasources=ebbd&datasources=libcat&datasources=pmb&datasources=herbcat&datasources=ecbot&datasources=livcoll&datasources=sepasal&datasources = EFZ & origini dati = kewweb & categorie = = Bibl nomi e categorie e categorie = Colln & categorie = categorie = taxon & Flora & categorie = Varie & detailDatasource = IPNI
  4. Torna a inizio pagina↑ hyalis argentea in PlantList
  5. Torna alla cima↑ http://web.archive.org/web/http://www.dominguezia.org.ar/volumen/articulos/16-2.ps

Grindelia chiloensis

Grindelia chiloensis , comunemente chiamato Ranuncolo, miele , è una pianta psammophyte , famiglia Asteraceae nativi zone steppa patagonica uno di Cile e Argentina (dalla provincia di San Juan a Santa Cruz). E ‘bene colonizzatore e abbonda nelle zone disturbate, come le strade al di fuori.

Descrizione

Si tratta di un arbusto sempreverde sufrútice (è la pianta ramificata dalla base, legnoso ed erbaceo giù in alto), con fusti ramificati, rotondo e soffice eretta, raggiungendo alti 30-100 cm, molto resinosa , con rami ascendente che termina in una infiorescenza . Le foglie sono verde chiaro, lanceolate, si alternano e finemente dentata. I capolini sono di colore giallo, grandi e terminali. Il frutto è un achenio , ed i semi sono dispersi dal vento.

Usi e proprietà

Resiníferas ha ghiandole sulle foglie, steli e involucri; essudati di queste ghiandole (sostanza lattiginosa, appiccicosa) coprono tutta la parte aerea della pianta e sono composti da resine idrofobe non volatili. Le resine delle specie di Grindelia hanno composti simili a fisici proprietà a quelli ottenuti da pini ed altre proprietà conifere e sono utilizzati in molti processi industriali per la produzione di articoli in gomma, vernici, colle, vernici, lacche, inchiostri, ecc

È nel processo di addomesticamento come fonte di resina, per integrare quella prodotta dai pini.

  • Combatte l’asma nelle sigarette.
  • In piccole dosi è un diuretico.
  • Utilizzato in infezioni del tratto urinario.
  • Anti – infiammatoria indicato per l’artrite e reumatismi .

Tassonomia

Grindelia chiloensis è stato descritto da ( Cornel. ) Cabrera e pubblicato nel Revista del Museo de La Plata (nuova serie), Sezione Botanica 33: 215. 1931. 2

sininimia
  • Grindelia foliose Hook. & Arn.
  • Grindelia resinoso Gill. ex Hook. & Arn.
  • Grindelia speciosa Lindl. & Paxton
  • Grindelia volkensii Kuntze
  • Haplopappus hoorebekia DC.
  • australis Helianthus Piccolo ex Phil.
  • Hoorebekia Chiloense basionym
  • Aster hoorebekia (DC.) Kuntze 3

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ steppa patagonica
  2. Torna a inizio pagina↑ Grindelia chiloensis in tropici
  3. Torna a inizio pagina↑ Grindelia chiloensis in PlantList

© 2017 paolaharris.it

Theme by Anders NorénUp ↑