Categoryecoregioni mangrovie

mangrovie Churute


Mangrovie Churute parte della riserva ecologica dello stesso nome, che è registrato nel Sistema Nazionale delle Aree Protette dell’Ecuador. Si trovano nel cantone provincia di Naranjal, Guayas, a 40 chilometri dalla città di Guayaquil. Essi devono il loro nome alla presenza di una piccola catena montuosa chiamata Churute, composto da sette colli. Ha 35.000 ettari di mangrovie, e il suo clima è nella media annua di 28 ° C (nella stagione delle piogge). Queste mangrovie sono considerati come un importante sito Ramsar.

Ecosistemi

All’interno dell’area sono ecosistemi distinti:

  • Le mangrovie e negli estuari. Il suo sedimento importante, al fianco di correnti marine hanno formato un vasto complesso di canali e isole. Questa zona, che combina anche una piccola porzione di una maggiore e umido terraferma, contiene un’infinità di lagune ed estuari.
  • Laguna Canclón. Con una superficie di 800 ettari, si è circondato da colline che sono alimentati con i piccoli bacini. Al l’ piedi delle colline e la riva della laguna, una varietà di aironi, jacanas, scorfano e proprie interne uccelli delle zone umide di acqua può essere osservato.

Flora

Vicino l’acqua sono molte formazioni di mangrovie. Ci sono 5 specie di mangrovie su cui crescono epifite e sotto di loro ci sono un numero infinito di specie organiche. Nelle montagne circostanti sono rovere, ebano, kapok e balsa e alcuni altri alberi si trovano in foreste secche. Intorno la maggior parte delle orchidee e bromeliacee coprire il paesaggio. In cima alla montagna la foresta è bagnato umidità si condensa nebbiosa lì.

Fauna

In mezzo a mangrovie vivere granchi, gamberi e frutti di mare della diversità. Si sono registrate 264 specie di uccelli nella zona che appartengono a 59 famiglie e sottofamiglie 7, 50 sono le specie di uccelli acquatici migratori importanza per la conservazione internazionale soprattutto nelle mangrovie e l’area di estuario, il altri sono gli uccelli residenti maggior parte dei quali sono comunemente visto. 2 Questa zona di mangrovie non è solo l’ultimo è a sud del continente americano, è una zona umida di grande importanza per circa 50 specie di uccelli migratori protetti a livello internazionale, e ci sono specie residenti come fregate, fenicotteri, ibis bianchi, aironi chiedo spatole, aironi, pellicani e delfini nei mesi di giugno a novembre, che si muovono nella foce.

Attività ricreative

Le gite in canoa attraverso le mangrovie permettere la visualizzazione di molte specie uniche di fauna. L’escursionismo è anche un’opzione qui.

Note e Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Mangrovie Churute: flora e fauna nel cielo, mare e terra www.gstalliance.net/ecuador/index.php?option=com compito … …
  2. Torna alla cima↑ MANGLARES Churute www.galasam.com.ec/churute.htm

Guinea palude di mangrovie


La mangrovia Guinea è una ecoregione di Afrotropicale ecozone , definito da WWF , che si estende lungo la costa dell’Africa occidentale , dal Senegal alla Costa d’Avorio .

Modulo, insieme con le mangrovie centrafricani , la regione chiamata mangrovie nel Golfo di Guinea , indicato come Global 200 .

Descrizione

Si tratta di una ecoregione di mangrovie con una superficie di 22.800 chilometri quadrati suddiviso in diverse enclaves lungo la costa del Senegal , Gambia , Guinea-Bissau , Guinea , Sierra Leone , Liberia e Costa d’Avorio . In alcuni luoghi si estendono fino a interne 160 chilometri.

Da Ovest a Est i confini occidentali del Sudan Savannah , la Guinea mosaico foresta-savana , le foreste della Guinea pianura occidentale e le foreste della Guinea orientali .

Flora

A causa delle alte maree, e grazie alla elevata immissione di acqua dolce dai fiumi della regione, gli alberi di mangrovie possono superare i 25 metri.

Fauna

Questa ecoregione è un importante habitat per gli uccelli migratori e specie in pericolo come il West African lamantino ( Trichechus senegalensis ) e l’ippopotamo pigmeo ( ippopotamo pigmeo ).

Stato di conservazione

Vulnerabile. Le mangrovie sono minacciati da agricoltura, lo sviluppo urbano e del cambiamento climatico.

mangrovie dell’Africa orientale

Le mangrovie dell’Africa orientale è una ecoregione di ecozone Afrotropicale , definito da WWF , che si estende lungo la costa del Oceano Indiano in Mozambico , la Tanzania , il Kenya e la Somalia .

E ‘incluso nella lista della conservazione di priorità Global 200 .

Descrizione

Si tratta di una ecoregione di mangrovie occupa 15.100 chilometri quadrati in varie enclavi lungo la costa del Mozambico , la Tanzania , il Kenya e la Somalia . Si estendono fino a 50 chilometri verso l’interno e tettuccio può raggiungere fino a 30 metri di altezza. le aree più grandi sono in delta dei fiumi Rufiji in Tanzania , e Zambeze in Mozambico .

Da nord a sud, delimitata dal cespuglio Savannah della Somalia , il mosaico costiera Foresta Zanzibar , il mosaico costiera Foresta di Inhambane e allagate savana costiera della Zambeze .

mangrovie dell’Africa centrale

Le mangrovie dell’Africa centrale è una ecoregione di Afrotropicale ecozone , definito da WWF , che si estende lungo la costa atlantica di Africa centrale e occidentale , dal Ghana per l’Angola .

Modulo, insieme al mangrovie della Guinea , la regione chiamata mangrovie nel Golfo di Guinea , indicato come Global 200 .

Descrizione

Si tratta di una ecoregione di mangrovie occupa 29.900 chilometri quadrati in varie enclave della costa del Ghana , Nigeria , Camerun , Guinea Equatoriale , il Gabon , la Repubblica Democratica del Congo e in Angola . I più importanti sono nel Delta del Niger (Nigeria) ad est della foce del fiume Croce (Nigeria e Camerun), su Douala (Camerun), sulla foce del fiume Muni (Guinea Equatoriale e Gabon) nel foce del fiume come (Gabon), nelle lagune del Conkouati e la foce del fiume Congo (RDC).

Da ovest a est e da nord a sud, confina con i seguenti ecoregioni:

  • Guinea foresta-savana mosaico
  • Lowland giungla Nigeria
  • Delta del Niger paludosa foresta
  • foreste di transizione Cross-Niger
  • Cross-Sanaga-Bioko foreste costiere
  • Atlantico equatoriale foreste costiere
  • Mosaico di foresta e savana del Congo occidentale
  • Angolana savana Scarp e boschi

mangrovie Africa del Sud

Le mangrovie Africa del Sud è una ecoregione di Afrotropicale ecozone , definito da WWF , che si estende lungo la costa orientale del Sud Africa e il Mozambico .

Descrizione

Si tratta di una ecoregione di mangrovie occupa 1.000 chilometri quadrati in varie enclavi lungo la costa del Oceano Indiano orientale Sud Africa e nel sud del Mozambico .

Esso confina da nord a sud con costiera mosaico Foresta di Maputaland e costiera mosaico Forest of KwaZulu e Cape .

Questo è l’unico foreste di mangrovie subtropicali dell’Africa .

mangrovie Madagascar

Le mangrovie del Madagascar è una ecoregione di Afrotropicale ecozone , definito da WWF , che si estende principalmente lungo la costa occidentale del Madagascar .

E ‘incluso nella lista della conservazione di priorità Global 200 .

Descrizione

Si tratta di una ecoregione di mangrovie con una superficie di 5.500 chilometri quadrati suddiviso in diverse enclaves lungo la costa del Madagascar . Ci sono 29 enclavi sulla costa occidentale; Sono la più ampia nel nord-ovest, nella baia di Mahajamba , Bombetoka , Mahavavy e Salala , e Maintirano . Sulla costa orientale ci sono 11 enclavi, che occupano solo 50 chilometri quadrati.

Mangrove West Coast limitato, da nord a sud con il sub – giungle umide del Madagascar , la foresta decidua secca del Madagascar e montagna succulente del Madagascar , mentre la East Coast confinano con il foresta pluviale di pianura del Madagascar .

Le catene montuose centrali dell’isola proteggono le mangrovie dei monsoni .

Flora

Le principali specie arboree sono il mangano nero ( Bruguiera gymnorrhiza ), mucronata Rhizophora e Ceriops Tagal , famiglia Rhizophoraceae , Avicennia marina , famiglia Avicenniaceae , Sonneratia Alba , famiglia Lythraceae , e racemosa Lumnitzera , famiglia Combretaceae .

Fauna

Tra gli uccelli, comprende diverse specie endemiche del Madagascar, come l’airone Madagascar ( Ardea humbloti ), il Madagascar Alzavola ( Anas Bernieri ), il Piviere Madagascar (Charadrius toracico), il Madagascar Fish Eagle ( vociferoides Haliaeetus ) e il martin pescatore malgascia ( Malagasy Kingfisher ). L’ecoregione è importante per molte specie migratorie, come corriere piccolo ( Charadrius hiaticula ), il piviere granchio ( granchio-plover ), il piviere grigio ( nero – pivieri ventre ), la spatola africana ( Platalea alba ) e White Heron ( Ardea alba ).

Anche in mangrovia tartaruga verde ( Chelonia mydas ) e embricata ( Eretmochelys imbricata ), che nidificano sulla costa occidentale del Madagascar, così come il dugongo ( Dugong ) e il coccodrillo del Nilo ( Crocodylus niloticus ).

Comunità di pesci , molluschi e crostacei sono molto ricchi.

Endemismo

Ci sono diverse specie di alberi endemici.

Stato di conservazione

Vulnerabile. Le mangrovie sono minacciati dallo sviluppo urbano, la pesca, l’erosione, la coltivazione del riso, lo sfruttamento di sale marino e crostacei di acquacoltura. Alcuni mangrovie sono nel parco marino corrente: Mananara Riserva della Biosfera, che include anche le barriere coralline.

mangrovie

La mangrovia è una zona biotico o bioma , costituito da alberi molto tolleranti sali esistenti nella zona intertidale vicino alla foce di corsi d’acqua dolce a latitudini tropicali e subtropicali. Così, tra le aree con paludi di mangrovie includere estuari e le zone costiere. Hanno una grande diversità biologica ad alta produttività, trovando molte specie di uccelli, come pesci, crostacei, molluschi e altri.

Il suo nome deriva dagli alberi che formano, le mangrovie , la parola mangano (da cui deriva mangrovie in tedesco, francese e inglese) proviene da una voce Caraibi o Arawak, uno forse Guarani [ citazione necessaria ] e che significa albero nodoso . Di solito dato come un scopi di sviluppo barriera, la costa ha subito una rapida erosione . Essi forniscono anche l’habitat di numerose specie e forniscono una protezione naturale contro i forti venti, le onde prodotte da uragani e anche onde di marea . 2

Le mangrovie sono biotopi (serie di habitat ) tropicali e subtropicali habitat anfibi (con caratteristiche acquatici e terrestri), che si trova nella zona intertidale (tra alta e bassa marea ), coste protette o poco esposte – golfi e baie , le paludi e gli estuari o bocche rivers- con fondo morbido (sabbia, limo o argilla, mai roccioso) e che ricevono regolarmente il deflusso di acqua dolce. Le mangrovie sono caratterizzati dalla predominanza, in un determinato sito, alcune specie di una coorte di 20 generi e 54 specie di alberi (Mangani) appartenenti alle famiglie molto diverse (16), alla quale molte altre specie vegetali sono associati erbacee e legnose; tutti hanno in comune la proprietà di tollerare condizioni estreme di salinità e basso ossigeno tensioni in acqua e suolo, che si sono evoluti per particolari adattamenti fisiologici o anatomici. 3

Le mangrovie svolgono un ruolo importante nella protezione delle coste contro l’erosione del vento e delle onde. Hanno elevata produttività, che ospita un sacco di acqua, anfibi e gli organismi terrestri; i motori sono generatori di vita, sono stadi giovanili habitat di centinaia di specie di pesci, molluschi e crostacei. Sono habitat temporanei per molte specie di uccelli migratori nord e sud. .

composizione delle specie e la diversità

Le mangrovie sono più diversificati nelle paleotropics (India, Sud-Est asiatico, Malesia) in America tropicale ( Neotropicale ). La diversità più basso si verifica nei Caraibi. Diversi autori forniscono cifre leggermente diverse per il numero di specie in buona fede di mangrovie, per esempio, quelle specie legnose endemiche per il biotopo, che non si trova in nessun altro biotopo. Il più accettate sono: Famiglie 11, 16 generi, 55 specie 4 più recenti di quelli citati qui, ha dati un po ‘diversa: Famiglie 16, 20 generi, specie, 54. Tuttavia, tutte le specie chiamati Mangles di Chapman, sono elenco di Hogarth-Tomlinson, la differenza è nel modo – chiamato componenti minori , ma solo le specie rare trovato in mangrovie. La seguente tabella presenta le 55 specie di mangrovie e la loro distribuzione. Uno dei più grandi mangrovie nel mondo, sono quelli del Rio delle Amazzoni .

Alcune specie di mangrovie di mangrovie del mondo
Specie Genus (autore) famiglia Oceano o mare mangrovie
Aegiceras corniculatum (( L. ) Blanco ) Myrsinaceae indiano Golfo del Bengala
Avicennia germinans ((L.) Stearn ) Avicenniaceae Caraibi / Pacifico orientale Pericaribeño
Avicennia marina (( Forssk. ) Vierh. ) Avicenniaceae indiano Golfo del Bengala
Bruguiera gymnorrhiza ((L.) Savigny.) Rhizophoraceae indiano Golfo del Bengala
Conocarpus erectus (L.) Combretaceae Caraibi / Pacifico orientale Colombia
Excoecaria agallocha (L.) Euphorbiaceae
Kandelia candela ( Druce ) Rhizophoraceae
Laguncularia ( CFGaertn. ) Combretaceae Caraibi / Pacifico orientale
Rhizophora mangle (L.) Rhizophoraceae Caraibi / Pacifico orientale
Rhizophora racemosa ( G.Mey. ) Rhizophoraceae Caraibi / Pacifico orientale
Stylosa Rhizophora ( Griff. ) Rhizophoraceae
Sonneratia alba ( Sm. ) Lythraceae

Confronto di diversi mangrovie nel mondo

Alcuni mangrovie di importanza mondiale (dicembre 2004)
Paese o regione Sito / mangrovie zona Mangrove (kmq) specie di mangrovie fauna associata Stato di conservazione (*) fonte
porcellana Riserva Naturale Shankou Mangrove 40 14 specie:
Rhizophora stylosa , Kandelia candel , Aegiceras corniculatum , avicennia marina , Bruguiera gymnorrhiza , Excoecaria agallocha , etc.
Mammiferi : Dugong e Sousa chinensis
Uccelli : Larus saundersi , Platalea minore
Naturale a modifica [1]
Colombia Delta-estuario del fiume Magdalena ,
Ciénaga Grande de Santa Marta
792
(mangrovie)
4000
(delta-estuario)
4 specie:
Rhizophora mangle , Avicennia germinans , Laguncularia e Conocarpus erectus
Mammiferi : 56 specie. Alouatta seniculus , Cebus albifrons , Ateles belzebuth , Aotus trivirgatus , hydrochaeris , Trichechus manatus e altri
uccelli : 198 specie (oltre il 50 migratori); endemica: zaffiro dal ventre colibrì e Molothrus Armenti ; migrazione ( Anatidi ): discors Anas , A. americana , A. clypeata e minori Scaup
Reptiles : Caiman crocodilus fuscus , Crocodylus acutus , Iguana iguana , oro Tegu , Caretta caretta e Dermochelys coriacea
Pesce : più di 100 specie di acqua dolce (45 )
Modificato per deteriorata [2] [3][4] [5]
Golfo di Guinea ( Delta del Niger ) Angola , Camerun , Repubblica democratica del Congo , Guinea Equatoriale , Gabon , Ghana , Nigeria ? 2? Mammiferi :
Uccelli :
Modificato per alterato [6]
Sundarbans ( Golfo del Bengala ) L’India , il Bangladesh  ? 30 Mammiferi :
Uccelli :
Modificato per alterato [7]

(*) Definizione dello stato di conservazione ( sensu IUCN ) si riferisce alle caratteristiche dei processi ecologici di riproduzione , dispersione , la colonizzazione e successione , dopo i disturbi naturali o indotti, piuttosto che delle particolari condizioni di habitat o di organismi.
Naturali : abitati o no, o meno risorse sfruttate, i processi procedono senza intervento umano.
Modificato : tassi di processi di colonizzazione e successione più lento che in condizioni naturali; Essi possono essere accelerati da umani, per esempio, la dispersione artificiale di intervento propaguli.
Altered : processi ecologici molto lenta, può avvenire solo con l’intervento umano, per esempio, di ripopolamento, controllo dell’erosione o incendi, etc.
Distressed : trasformazione condizione irreversibile, estremamente processi lenti o inesistenti; Si richiede ingressi significativi di tempo e di energia per ripristinare il funzionamento ecologico naturale

Successione e zonazione delle mangrovie

Le diverse specie di mangrovie differiscono nella loro tolleranza alla salinità (alofite), a basse concentrazioni di ossigeno, la stabilità del substrato, la frequenza di allagamento (hydroperiod), rapporto di precipitazione-evaporazione, e le caratteristiche del rilievo tra gli altri fattori, che saranno anche decisivo per la “zonizzazione”, o modelli di distribuzione di specie diverse. specie di mangrovie, come alofite specie possono tollerare salinità concentrazioni variabili: possono essere trovati da 0 up (unità salinità pratica) a 70 up (la salinità del mare è di circa 35 imprese). Nelle Americhe sono distribuiti poche specie; in Messico e nei Caraibi possono essere identificate 3 o 4 specie di mangrovie.

È stato determinato che la colonizzazione avvia la mangrovia rossa o mangrovia rossa ( Rhizophora mangle ), una specie che tollera salinità 0-45 up, richiede tempi maggiori inondazioni e acqua con maggiore circolazione ed è radicata bene in terreni molto soffici e instabile, che rafforza e stabilizza in crescita; questo permette la colonizzazione di altre specie, come la mangrovia salato, mangrovia in bianco e nero di mangrovie ( Avicennia germinans ), uno dei più sale specie tolleranti in terreni ipersalini (70 UPS) in grado di modificare la loro struttura fisionomia, formando arbusto o cespuglio ; Ha pneumatofori che consentono di scambiare gas; rafforza anche il suolo. Il mangano bobo o mangrovia bianco ( laguncularia racemosa ) possono essere distribuiti tra i due precedenti; tollera salinità da 0 a 45 piani, spesso inferiore e una maggiore rosso mangano al nero mangano alluvioni, e un substrato (terra) ancora più stabile. In alcuni siti possono essere presenti Saragozza botoncillo storpiare o mangrovie ( Conocarpus erectus ), una specie che è più a contatto con la terra ‘s vegetazione. Poiché diverse specie di mangle trasformano loro substrati e quindi creano habitat per altre specie, la “successione” dà origine ad una sequenza di specie dal mare alla terraferma (un “zoning”).

Biologica, economica e socio-culturale importanza di mangrovie

Mangrovie, nonostante la sua relativamente piccola area di copertura rispetto ad altri biotopi terrestri (v. Gr., Foresta latifoglia decidua tropicale), è uno dei 14 biomi atterrare cioè formare una coorte unica, eccezionale, di piante e animali abitando gli spazi con caratteristiche fisiche altrettanto uniche.

significato biologico

  • Habitat di migratori , soprattutto uccelli che passano nelle zone tropicali e subtropicali la stagione invernale settentrionale o meridionale.
  • fasi Habitat giovanili di molti pesci pelagici e delle coste, molluschi, crostacei, echinodermi, anellidi, il cui habitat in stadi adulti sono praterie, saline e lagune costiere, le barriere coralline o altro, anche d’acqua dolce all’interno continenti (circa il 70% degli organismi catturati in mare, condurre parte del loro ciclo di vita in una zona o costiera della laguna di mangrovie).
  • Grazie al suo status ecotono tra i due principali tipi di biomassa, mangrovie ospitano un gran numero di organismi terrestri e marini.
  • Hanno una elevata produttività primaria quanto sostiene una complessa rete alimentare con i siti di uccelli nidificanti, foraggiamento, la crescita e la protezione dei rettili, pesci, crostacei, molluschi, tra gli altri (MacNae, 1968; Norudin, 1987; Flores-Verdugo , 3000)

Importanza economica

  • Le mangrovie continuano le coste del Golfo contro l’erosione costiera derivante da onde e mari, a causa di radici litorale piano stabilità trampolieri fornire; d’altra parte, la chioma densa e alta della foresta di mangrovie è una barriera efficace contro l’erosione del vento (uragani, ecc), anche durante le stagioni temporali forti
  • Le mangrovie sono un palliativo contro possibili i cambiamenti climatici non solo come il fissaggio di CO 2 , ma anche perché la palude di mangrovie immobilizza grandi quantità di sedimenti ricchi di materia organica.
  • Anche attraverso questo meccanismo, le sostanze inquinanti mangrovie trappola (v. Gr., Composti organici tossici persistenti e metalli pesanti)
  • Ambienti ipossico mangrovie (e le paludi e lagune costiere) purificano liquami trasportati da affluenti e ridurre i cambiamenti climatici per ossidazione o riduzione del protossido di azoto ( un gas ad effetto serra ) -product di decomposizione anaerobica organico-materia ossido di azoto o di azoto molecolare rispettivamente.
  • Si stima che per ogni specie di mangrovie si perdono ogni anno distrutti 767 kg di specie marine di importanza commerciale (Turner, 1991)

Sociocultural importanza

Le mangrovie svolgono un ruolo importante come una fonte di risorse insostituibili per molte popolazioni rurali nei tropici. Questo è particolarmente importante in quelle regioni in cui le aree di terra adiacenti le mangrovie sono prevalentemente arido, v. gr., Delta del Niger , pericaribeño cintura arida , Golfo del Bengala e quindi limitati nella loro gamma e la diversità delle risorse. Qui sono le risorse più importanti sono elencati. Va detto che queste sono state sfruttate senza nulla togliere centinaia e persino migliaia di anni; Tuttavia, di recente (da metà del XX secolo), la crescita della popolazione, l’espansione urbana, la preponderanza del consumismo e l’avvento delle tecnologie estrattive efficienti hanno decimato le risorse di mangrovie in molte regioni, fino a quando le condizioni irreversibili di degrado e di esaurimento.

  • La pesca industriale su larga scala e il livello di famiglia artigianale
  • Carbone, legno di mangrovia per la costruzione e legna da ardere
  • Allevamento animali di molte specie ( Hydrochaeris , Caiman crocodilus , etc.)
  • Estrazione di sale
  • estrazione tannino
  • caccia
  • Riposo e turismo

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Spagnolo Accademia Reale (2014). “Mangle” . Dizionario della lingua spagnola (23 ° edizione). Madrid: Espasa .
  2. Torna a inizio pagina↑ mangrovie e gli ecosistemi.
  3. Torna a inizio pagina↑ Bio-diversità e mangrovie
  4. Torna alla cima↑ Chapman 1976, citato da Müller, 1980. Articolo in: mangrovie , basato su due studi sulle mangroviemondo: Peter J. Hogarth, 1999. La Biologia delle mangrovie. Oxford Univ. Press , ISBN 0-19-850222-2 e PBTomlinson, 1986. La Botanica di mangrovie. Cambridge Univ. Press, Cambridge.
  • Rosa Romero, Carlos M. de la (1977). La rimozione e la distruzione delle mangrovie e le sue conseguenze nella società portoricana . pp. 1-30.
  • sistemi di mangrovie a Puerto Rico . 1978.
  • Vivaldi. Paniagua Valverde., José Luis. Carlos. (2018). compendio enciclopedico delle risorse naturali di Porto Rico .

© 2017 paolaharris.it

Theme by Anders NorénUp ↑