CategoryForesta pluviale temperata

Foresta di Fontainebleau


La foresta di Fontainebleau ex Foresta Beer (erica derivato), è un importante terreno forestale della Francia, 60 km a sud est di Parigi. Essa ha una superficie di 280 chilometri e si trova principalmente nel distretto di Fontainebleau , nella parte sud-occidentale del dipartimento di Seine- et- Marne . La maggior parte della foresta si trova nel cantone di Fontainebleau , anche se la zona si estende in cantoni vicini e persino al lontano ovest come la città di Milly-la-Forêt , nel vicino dipartimento di Essonne. All’interno ci sono due comuni, le città di Fontainebleau e Avon .

La foresta di Fontainebleau è un importante e boscoso massiccio 25.000 ettari, di cui 21.600 ettari oggi siano gestiti in foresta comunale.

Questo massiccio, al centro della quale è la città di Fontainebleau, si trova in Seine – et – Marne . Il bosco comunale si estende su una corretta 17072 ettari; Ha una quota variabile di 42 metri (la Senna in -Roi Bois-le ) a 144 metri (Crocevia del Banco del Rey, 2 km al nord di Fontainebleau).

Si è frammentato e attraversata dalla autostrada A6 (1964), nazionale 6 e 7, nonché la stazione di Parigi a Lione . Ogni anno, milioni di visitatori vengono a piedi (13 milioni nel 2006).

La foresta di Fontainebleau è famosa nel mondo per aver ispirato gli artisti del XIX secolo : pittori impressionisti e scuola di Barbizon e fotografi, scrittori e poeti.

Storia

Nel 1067 , il re Filippo I acquisito Gatinais County, permettendo il vero potere dominare direttamente il territorio della foresta corrente. Nel 1167 , testimonia per l’esistenza di una vera casa.

Nel 1400 , Carlo VI ordinò la prima riforma della foresta, ovvero la chiusura completa della foresta per un paio di mesi, al fine di verificare i diritti e gli usi di ogni sulla caccia e la foresta. Questa procedura eccezionale si rinnova più volte sotto il vecchio regime .

Al momento della Louis XIV , meno del 20% della superficie è legname. Colbert lancia la nuova riforma Giu-SET 1664 così come le opere di impianto. Il re poi corre attraverso la foresta ogni anno in autunno per la caccia.

Nel 1716 , in risposta alla la terribile inverno del 1709 , una nuova organizzazione della foresta è promulgata: 6000 ettari sono coltivati con legni duri, ma questo fallimento pressoché totale è rivelato. Una nuova organizzazione è tornato a lanciare nel 1750 . Nel 1786 , una introduzione timida di pino silvestre è tentato.

Dopo la rivoluzione, in risposta alle numerose registrazione proliferazione selvaggia e la mancanza di caccia furtiva, Napoleone I gestione della riforma forestale e il castello 1807 . Nel 1830 , l’impianto di 6.000 nuovi ettari con vari tipi di pino provoca malcontento di artisti che vengono a cercare ispirazione nella foresta. D’ l’ altra parte, lo stagno esistente Évées è completamente scarica e piantato nel 1837 .

Nel 1839 , Claude François Denecourt ha pubblicato la sua prima guida per camminare attraverso i boschi e sentieri sono condizionati all’inizio del 1842 . Dal 1849 , la ferrovia arriva a Fontainebleau, che permetterà parigini da visitare Fontainebleau corse giornaliere.

Nel 1861 , viene creata la prima riserva artistica di 1097 ettari. E ‘la prima riserva naturale nel mondo, anticipando la creazione di Yellowstone National Park in Stati Uniti .

Nel 1872 il Comitato Prima di tutela artistica della foresta di Fontainebleau, che aderisce, tra gli altri, si basa Victor Hugo . Succede nel 1907 l’Associazione degli Amici della foresta di Fontainebleau.

Nel 1944 viene assassinato ex ministro degli Interni di Francia , Georges Mandel . Nel 1953 , il primo mirato e integrato riserve biologiche, in sostituzione di riserve artistiche, soppresso creato nel 1967 .

Geologia

  • Le arenarie di Fontainebleau sono famosi per le rocce così rare che sono molto ambite dagli appassionati scalatori.

Wildlife

  • I più numerosi alberi sono: Oaks (44%), il pino silvestre (40%), faggio europeo (10%);
  • 3.000 specie di funghi sono stati scoperti;
  • 7.000 specie animali, tra cui 5.000 specie di insetti.

Flora

  • erba Crag ( “Brachypodium pinnatum”);
  • Fontainebleau Tree Service ( “Sorbus latifolia”, protezione nazionale);
  • Amelanchier ovalis , protezione nazionale;
  • Juniperus communis ;
  • Orchidee Limodorum abortivum ;
    • Red Helleborine ( “Cephalanthera rubra”, protezione nazionale);
  • Thalictrum meno , protezione nazionale;
  • Campanula persicifolia ;
  • Madder ;
  • Rosa pimpinellifolia ;
  • Cranesbill ( “Geranium sanguineum”);
  • Hirundinaria Vincetoxicum ;
  • Trifolium Rubens , protezione nazionale.

Fauna

Mammiferi

Tra i grandi mammiferi , abbiamo trovato cinghiali e cervi .

Aves

  • Picchio (campagne principali);
  • Picchio (campagne minori);
  • Tit (Parus major);
  • Tit (Parus caeruleus);
  • Luì piccolo (Phylloscopus collybita);
  • Silvia (Phylloscopus trochilus);
  • Bonelli s ‘ verdognola (Phylloscopus bonelli);
  • Capinera (Sylvia atricapilla).

Misure di protezione

Foresta di Fontainebleau da Karl Bodmer 1850.

vari statuti coesistono e si sovrappongono, ognuno ha le proprie peculiarità.

Queste leggi non coprono tutta la foresta, ma trame più o meno interessanti e livello ambientale ed economico diverso.

  • la protezione delle foreste :

Conservazione uso attuale del suolo obbligatoria. Qualsiasi cambiamento che minaccia il medium è vietata.

“benefici”: difesa contro la costruzione di nuove infrastrutture e la cura dell’ambiente.
“Limiti”: solo la superficie iniziale viene mantenuta, nessuna raccomandazione mira a garantire la conservazione della sua biodiversità .
  • rete Natura 2000 ( Zona di Protezione Speciale e zona speciale di conservazione ):

la protezione degli habitat, la messa in rete europea.

“benefici”: la protezione degli habitat regolamentare.
“Limiti”: la foresta non è integrato nella sua interezza nella rete Natura 2000, ma è frammentato tra le aree protette e le zone non protette.
  • Riserva della Biosfera :

Classificazione nell’ambito del programma Man and Biosphere di Unesco . Il suo obiettivo è di conciliare la biodiversità e l’uso sostenibile delle risorse naturali.

“benefici”: aumenta le possibilità di collaborazione tra i diversi gestori, nel quadro di uno sviluppo sostenibile.
“Limiti”: nessun valore giuridico nazionale, funzione di consulenza agli attori del mezzo.
  • Sito di importanza comunitaria :

Inventario nazionale delle aree naturali di elevato interesse patrimonio e realizzato da direzioni regionali di Ambiente (Ambiente) (DIREN)

“vantaggi”: la conoscenza da parte delle autorità locali del loro patrimonio naturale.
“Limiti”: No Stato normativo
  • sito classificato :

Territorio che non può essere distrutto o modificato nel vostro stato o l’aspetto.

“vantaggi” restare in tali condizioni il patrimonio
“Limiti”: poco rispettati
  • Riserva Biologica :

Protezione e conservazione. Ci Regia Biological Reserve (conservativo) e la Riserva Biologica INTEGRA (nessuna gestione).

“Limiti”: si possono essere declassificati ad ogni modifica dell’organizzazione
  • Riserva volontaria naturale , area naturale sensibile o protezione ordine biotopo governatore .

Associazioni chiedono la classificazione come un parco nazionale , che avrebbe rivitalizzare l’economia locale, migliorare la protezione delle foreste e le sue notevoli aspetti, il finanziamento e sarebbe condividere pressione turistica attribuito attualmente troppo tempestivo.

Tuttavia, la forte divisione per la rete stradale, con accompagnamento danni ed altri fattori, ostacolano la sua realizzazione.

Economia

La foresta è sfruttato dal 1330 . Dal XVI secolo , è stato sfruttato per la pavimentazione delle strade di Parigi. Nel 1831 , 3.000.000 sono state prodotte ancora mattoni (finitrici). In la fine del XIX secolo , sotto la pressione di artisti, questa attività estrattiva di pietra che poi occupata di 2.000 uomini è stato limitato. Nel 1907 , l’ultima operazione è stata chiusa. A Trois-Pignons, chiusa nel 1983 . La sabbia finissima e pura è sfruttata per vetrerie dal 1640. Si è sempre operato sulla riva ( Bourron Marlotte ).

Nella narrativa

  • Act 1 (il Prologo nella versione italiana) opera di Verdi “Don Carlos” è trascorso nella foresta di Fontainebleau.
  • Bernard Werber divenne la foresta di Fontainebleau il centro della scena della sua trilogia di formiche .

Laurisilva di Madeira


Il Laurisilva di Madeira ( Floresta Laurissilva da Ilha da Madeira , in portoghese ) è un luogo naturalmente dichiarato un Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco nel corso dell’anno 1999 . 1 è considerato per essere una reliquia molto prezioso, le sue dimensioni e la qualità, l’alloro , un tipo di foresta di alloro abbondante nei tempi passati e oggi praticamente estinti. Si ritiene che il 90% è una foresta primaria.

Unesco giustifica l’inclusione di questo patrimonio mondiale nel proprio perché è il più grande Laurisilva rimanente nella diffusione passato, in tutta l’Europa e ora praticamente estinta. In aggiunta, questa foresta è considerata un centro di biodiversità di piante e contiene molte endemiche, rifiuti e specie rare, in particolare briofite , felci e piante con fiori ; degno di nota sulle lamiaceous abutiloides Teucrium . Essa ha anche un fauna invertebrati molto ricco, di essere tra le specie endemiche per l’isola, la colomba di Madeira . 2

Il Laurisilva di Madeira si trova sull’isola principale della dell’arcipelago (Isola di Madeira). Prima della colonizzazione coperto praticamente l’ intera isola. Poi è stato bruciato dai primi coloni e sono ora conservati 15.000 ettari di superficie dell ‘isola, che corrisponde al 20% della sua lunghezza. Si concentra principalmente sulla costa nord , a quote comprese tra i 300 ei 1.400 metri. Sulla costa sud , appare in zone di altitudine tra i 700 ei 1.600 metri.

Oltre a questo laurisilva di Madeira, resti di questa foresta negli arcipelaghi delle Azzorre e delle Canarie ; nell’Europa continentale, è solo una zona di testimonianza nel Parco Naturale Alcornocales , all’estremità meridionale della penisola iberica . 3

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ “Laurisilva di Madeira” (in inglese) . Settore Cultura dell’UNESCO . Estratto 11 Marzo 2015 .
  2. Torna alla cima↑ sito dell’Unesco
  3. Torna a inizio pagina↑ “Parco Naturale di Los Alcornocales” sul sito web della andaluso

Canary Laurisilva

La foresta di alloro delle Canarie è un tipo di foresta subtropicale presente in alcune delle isole Canarie . Esso è strettamente legato ad altre formazioni forestali comuni nel resto dello spazio biogeografica denominata Macaronesia . Sono conformi specie di alberi della famiglia delle Lauraceae , che insieme alla fayalbrezal il monteverde chiamato. Ha terreni profondi ed è caratteristica dei mediocri (tra 600 e 1500 m sul livello del mare) a vento (verso nord) influenzato dalle nebbie del commercio , la mancanza di gelo, con precipitazioni di 500-1100 mm e una temperatura media annuale di fra 15 e 19 ° C.

Origine

Questa foresta esteso durante il periodo terziario , più di 20 milioni di anni fa, una vasta area del bacino del Mediterraneo . Successivamente, le glaciazioni che si sono verificati presso il fine di tale periodo e per gran parte del Quaternario stavano muovendo laurisilva verso le regioni meridionali temperate, dove le condizioni erano più favorevoli alla loro sopravvivenza, si stabiliscono quindi in Nord Africa e gli arcipelaghi della Macaronesia. A la fine della glaciazione, ha iniziato la diffusione dei deserti in Africa del Nord, in modo da questa foresta è stata ridotta a quelle aree, che fungono da confini tra la zona temperata e il intertropicale (la Macaronesia ). Nel corso di milioni di anni, questa foresta ha subito pochissime trasformazioni evolutive, quindi è una reliquia vivente della vegetazione che copriva gran parte dell’Europa durante il Terziario.

Distribuzione

Attualmente i migliori rappresentazioni delle foreste di laurisilva delle Canarie sono in Parco Nazionale di Garajonay a La Gomera , ha dichiarato un parco nazionale in 1981 e un patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO nel 1986 ; il Canal e Los Tilos su La Palma , ha dichiarato una Riserva della Biosfera da parte dell’UNESCO nel 1983 ; nel Parco Rurale di Anaga , dichiarata una Riserva della Biosfera dall’UNESCO e il Monte del Agua all’interno del Teno sia in Tenerife . L’isola di Gran Canaria ha piccole tasche degradate come Los Tilos de Moya all’interno del Parco Rurale di Doramas , perché i loro volta grandi foreste sono state abbattute nel XIX secolo per il legno per la fornitura di vapori di chiamata al porto La Luz e Las Palmas . Allo stesso modo , la zona alta di El Golfo a El Hierro ha anche degradato aree forestali di alloro.

Altre formazioni forestali molto simili che si trovano negli arcipelaghi portoghesi di Azzorre e di Madera e il Parco Naturale Alcornocales , all’estremità meridionale della penisola iberica, l’ unico posto in Europa continentale con una superficie di foresta di alloro. 1

Laurisilva

Il Laurisilva (in latino : Laurus + silva , ‘alloro foresta’ ) ? , Detta anche foresta temperata o foresta laurifolia , è un tipo di foresta pluviale subtropicale o alto, tipico del gelo umido, caldo e mite o no, con grandi alberi, pone giungla viti e liane le cui foglie assomigliano al di alloro , da cui essa prende il nome. Laurisilva si verifica nelle regioni temperate umido e caldo.

Il Laurisilva è stato gravemente danneggiato a causa di corto per l’uso del legno, sia la combustione accidentale che intenzionale, l’apertura di campi per le colture, sia di sussistenza o coloniali culture degli ultimi e di legname esotico piantagioni di oggi, il l’apertura di pascoli per il bestiame, campi da golf e strutture turistiche e l’introduzione di specie animali e vegetali esotiche che hanno sostituito la copertina originale. La maggior parte del biota è in grave pericolo di estinzione. Le specie che sono le foreste di alloro sono di solito forte e vigoroso, in modo che la foresta si rigenera facilmente, il suo declino è dovuto alla tremenda pressione che supporta.

Oggi il meglio conservato e studiato sono il laurisilva Valdiviana con una grande distesa immobile e foresta di alloro missionaria , con un gran numero di specie.

Ci sono estensioni continue di alloro in altri temperato-caldo, zone umide del pianeta, nel Mediterraneo orientale, in alcune isole nel il Mar Egeo , la costa del Mar Nero da Iran e la Turchia , le laurisilvas che ospitavano vecchio, sono alcune delle foreste come, Taxus baccata , prunus laurocerasus ecc, sulla costa turca del Mar nero per l’Iran .

Occupare in larga misura le foreste di alloro della costa orientale e il Golfo del Messico in Mississippi , Carolina e Florida in Stati Uniti , e le foreste di alloro della costa occidentale, in California, Oregon e in Canada da San Francisco, per Ucluelet , Vancouver, isole costa costiera e meridionale dell’Alaska, che stanno accadendo a poco a poco per diventare foreste di conifere. Durante il Miocene, California e Baja California sono stati coperti da boschi di tre specie di querce allori e altre specie della famiglia di alloro: Nectandra , Ocotea , Persea , e Umbellularia . 2 3 Una sola specie della famiglia di alloro, Umbellularia californica , rimane ancora in California oggi.

In Africa a Bamenda e il plateau di Adamawa confine tra la Nigeria e il Camerun , Las di Etiopia e Somalia, al confine con gli ecosistemi xerophitic, laurisilvas intorno ai Grandi Laghi in Africa e le foreste di alloro del plateau interno del Madagascar. Hanno trovato nelle montagne e le colline del bacino del Congo in Africa centrale. Ci sono anche Cloud foreste in Madagascar e altre isole in Atlantico e Indiano e l’ ecoregione isola chiamata foresta pluviale di pianura di Santo Tomé, Principe e Annobón , ha al suo vertice il bosco di montagna o alta foresta, con piante tipiche della flora Afromontane , come conifere podocarpácea Afrocarpus Mannii altezze São Tomé.

Associazioni alloro foglia di quercia Quercus e alloro castagno, Castanopsis , sono comuni in Eurasia; il “lauro-marrone” formare la vegetazione culmine accompagnato da Diospyros , Rutaceae e rododendri in Taiwan e raggiungere attraverso sud della Cina ad est delle Himalaya . In Asia, di Cina orientale, costa sud-occidentale dell’India e di Ceylon , in Asia per l’India settentrionale, l’alloro è tipico delle orientali dell’Himalaya , nei pressi di Assam e Arunachal Pradesh. e nelle montagne delle penisole indocinese. La foresta di alloro esteso a nord della valle dello Yangtze e ad ovest dell’altopiano tibetano. Questa regione è molto ricca di specie come querce e allori quercia, ginkgo, bambù, pini, azalee e camelie. È inoltre possibile trovare boschi con alloro e alberi di magnolia, e un sottobosco di arbusti e piccoli boschetti di bambù. A quote più elevate dominare conifere. foreste di alloro (shoyojurin) e bambù erano la vegetazione dominante nella ecoregione Taiheiyo foresta sempreverde del sud-est costa del Pacifico del Giappone . Accompagnato da Castanopsis , Machilus , o Quercus foglia di alloro. 4 Essi sono stati sostituiti in tempi recenti da veloci – specie in crescita.

Le montagne della costa del New South Wales in Australia, foreste di alloro di Nuova Guinea , Nuova Caledonia e Nuova Zelanda . Nuova Caledonia in un antico frammento di supercontinente Gondwana . Nuova Caledonia e Nuova Zelanda separati da deriva dei continenti da Australia 85 milioni di anni fa. Le isole conservano ancora la fauna selvatica e fauna selvatica che ha avuto origine in Gondwana e la diffusione attraverso i continenti dell’emisfero meridionale in seguito. I laurisilvas provenienti da Australia, Nuova Caledonia e la Nuova Zelanda, hanno un certo numero di altre specie correlate della Valdiviana di alloro, attraverso il collegamento delle flora antartica , come podocarpus Nothofagus gimnosperme e latifoglie. laevigatus Corynocarpus è chiamato alloro Nuova Zelanda, Laurelia novae-zelandiae appartiene alla stesso genere come sempervirens Laurelia . L’ albero niaouli , cresce in Australia, Nuova Caledonia e Nuova Zelanda.

In America centrale i laurisilvas sono il tipo più comune di foresta pluviale. Hanno trovato in zone di montagna di quasi tutti i paesi dell’America centrale. Normalmente più di 1000 m sul livello del mare. Nella Sierra de las Minas , il Guatemala , il più grande e più settentrionale foresta pluviale si trova l’America Centrale . In alcune zone del sud-est Honduras ci sono foreste pluviali, il più grande si trovano lungo il confine con il Nicaragua . In Nicaragua i nebliselvas si verificano nella zona di confine con l’Honduras, e la maggior parte sono stati liquidati a crescere del caffè; laurisilvas ci sono ancora alcune colline a nord. Nel vulcano Mombacho , l’unica foresta nuvola di costa del Pacifico dell’America Centrale si trova. In Costa Rica ci sono foreste di alloro nelle montagne di Tilaran , chiamato Cloud Forest di Monteverde e Arenal vulcano ; anche appare nella Cordillera de Talamanca .

In Sud America ci troviamo Laurisilva nel Ande di Ecuador e Perù . Il Laurisilva Valdiviana attraversa il sud del continente, nel sud del Cile e dell’Argentina , dalla costa del Pacifico alle Ande. Un altro alloro sudamericano è il foreste di alloro missionari nella parte orientale Paraguay , Misiones in Argentina , e nel sud Brasile .

La chiamata Yunga gruppi diversi tipi di foreste sempreverdi o giungle e tipicamente multi- – specie, che spesso contengono numerose specie proprie alloro forestali. Si visualizzano Venezuela nel nordovest dell’Argentina , passando per il Brasile , la Bolivia , la Colombia , l’Ecuador e il Perù . E ‘distribuito in modo discontinuo nelle province di Salta, Jujuy, Tucuman e Catamarca, integrando solito il Subandinas. Il suo rilievo è vario e in luoghi dove le Ande soddisfano Amazzonia penetrare zone ripide. Essi sono caratteristici di questa regione pongos, che sono profondi canali formate da fiumi, come ad esempio la formazione del fiume Tarma quando giù a valle di San Ramon, o fiume Urubamba, come si passa attraverso il Machu Picchu. Molte delle Yungas sono degradati o il recupero che non hanno ancora raggiunto il suo formazioni albero vegetazione culmine , come con la fayalbrezal delle foreste di alloro macaronesiche.

La laurisilva Atlantico si estende le isole del macaronesiche dove è chiamato monteverde . Anche se le foreste di alloro nella isola di Tenerife presenta la sua più biodiversità, è nella parte centrale della isola di La Gomera , il Parco Nazionale di Garajonay , un Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, con 3.984 ettari (il 10 per cento di la superficie totale dell’isola), dove la foresta pluviale di laurisilva più importanti e meglio conservati. Si tratta di una reliquia vivente della giungla 65 milioni di anni fa copriva vaste aree della Terra. A differenza di altre isole di vegetazione, come le foreste di alloro della Nuova Guinea , Nuova Zelanda e Nuova Caledonia, macaronesica foresta di alloro viene dalla terraferma che è stato adattato alla sua posizione attuale. Questo dà come risultato che la maggior parte delle specie sono sempre stati adattati alla loro predazione da parte erbivori. Così, dopo l’introduzione di grandi erbivori in questi ultimi tempi storici, la flora per lo più già i mezzi a disposizione per difendersi contro la predazione, hanno subito un danno minore rispetto a quello subito la foresta da altre isole o anche piante presenti in Macaronesia, è nata quando non c’erano grandi erbivori.

Anche se la laurisilva Atlantico è più abbondante negli arcipelaghi della Macaronesia, dove il clima è appena oscillazioni dopo il terziario, ci sono piccole rappresentazioni e un contributo in natura alla Oceanic e ambiente mediterraneo in Europa, Asia Minore e l’ovest e del Nord Africa rifugio in microambienti clima favorevole. Cioè, nelle catene montuose costiere. Questi continentali “isole” di entrambi Eurasia e Africa, in alcuni casi, erano veramente isole del terziario e altri semplicemente di ghiaccio – zone libere. Anche se la chiusura dello Stretto di Gibilterra specie di laurisilva avrebbe ripopolato di nuovo la penisola iberica , distribuite di nuovo verso nord insieme ad altre specie africane corretto, il passaggio ad un clima più secco e stagionali impedito, in generale, per occupare il loro spazio sopra. Le montagne costiere di Algeciras (nella foresta , chiamato canutos , il Parco Naturale di Los Alcornocales ), Monchique o Sintra sono enclavi bioclimatiche dove la vegetazione subtropicale mescola sia europeo e del Nord Africa e taxa Mediterraneo, che vivono tipica delle specie vegetali mediterranee adattati questo habitat, insieme ad altre caratteristiche delle foreste di alloro macaronesiche. Così, la Yedra una vite o di vite che è ben rappresentato nella maggior parte dell’Europa, è l’esempio più importante di specie ancora una volta recuperato il suo antico territorio dopo le glaciazioni. Il pappagallo ( Prunus lusitanica ), l’unico albero che sopravvive in qualche forma flussi iberici relictual, soprattutto nella parte occidentale della penisola, in particolare Extremadura , e un po ‘meno nel Nord-Est. In altri casi è la presenza di alloro Mediterraneo ( Laurus nobilis ) l’albero a causa della sua relazione con i veri allori isolani, fornisce una indicazione di dove l’alloro era. Questa specie, che sopravvive anche indigeno in Marocco, l’Italia, la Grecia e le isole del Mediterraneo, è in alcuni fiumi mediterranei della penisola iberica , come nel parco naturale di Los Alcornocales ( Cadice ), dove si formano le foreste chiamati lì canutos . Essi appaiono anche nelle montagne costiere della Catalogna , essendo il massiccio de les Cadiretes ( Gerona ), che mantiene i migliori lauredales, e alcuni pezzi di Valencia . L’ isola di Cortegada in Galizia , famosa per la sua foresta di alloro, si può dire che questi non sono nativi dell’isola, dal momento che tale foresta avuto origine spontaneamente da allori sono stati piantati dopo essere stato distrutto la vegetazione originale. Per quanto riguarda le specie provenienti fayalbrezal , l’altro sottotipo di foresta associata con l’alloro in monteverde , il faille si estende Nord Africa formando fayales e Heather (erica arborea) cresce nel sud della penisola iberica come cespuglio senza raggiungere le dimensioni che avete, per esempio, nella foresta di alloro canarino , che presenta un aspetto arboreo evidente.

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Clarke, CM 1997. Nepenthes del Borneo . Pubblicazioni di storia naturale (Borneo), Kota Kinabalu, p. 29.
  2. Torna alla cima↑ Axelrod, Daniel I. (2000) A Miocene (10-12 Ma) Evergreen Laurel-Oak Forest da Carmel Valley, California. University of California Pubblicazioni: Scienze Geologiche, Volume 145; Aprile 2000. University of California Press; Berkeley, California.
  3. Torna alla cima↑ Barbour, Michael G., Todd Keeler-Wolf, Allan A. Schoenherr (2007). vegetazione terrestre della California . University of California Press, Berkeley. p. 56
  4. Torna a inizio pagina↑ Karan, Pradyumna Prasad (2005). Giappone nel 21 ° secolo: l’ambiente, l’economia e la società . University Press of Kentucky, Lexington. p. 25.

foresta Headwaters

La foresta di Headwaters è una zona selvaggia di circa 22.033 acri (89 km2) che si trova all’interno dell’unità della Foresta Chequamegon-Nicolet Nicolet, nel nord-est del Wisconsin. 1 è la più grande della zona ed è stato designato dal governo federale come una giungla.

L’area wilderness contiene i sorgenti del Pine River, un fiume selvaggio e legalmente protetto. 1 Il paesaggio è coperto da foreste, principalmente paludi e torbiere, il terreno è generalmente piatta ed è coperto da una pineta, con alcune caratteristiche dei lussureggianti foreste del nord.

La parte settentrionale della zona di deserto contiene il Kimball Creek, che sfocia nel fiume Pine. Nel sud-ovest è l’unità Shelp lago, che contiene alcune delle più grandi e antiche alberi nella foresta nazionale. Nella parte sud-est presenta il Fiume Pine, che scorre verso est alla penisola superiore del Michigan.

La zona della giungla offre opportunità per escursioni a piedi, anche se la zona contiene solo poche miglia di sentieri designati. Caccia, pesca, birdwatching e altre attività popolari possono essere praticate nella giungla. Diverse specie di uccelli che non sono comuni in Wisconsin si trovano nella zona, compresi gli uccelli, il picchio dorso nero e altre specie.

Conservazione

La foresta è protetta dal Servizio Forestale degli Stati Uniti .

Riferimenti

  1. ↑ Vai a:un b c “Headwaters Wilderness” (in inglese) . wilderness.net . Estratto 5 marzo 2013 .

Distretto fitogeografico valdiviano subantártico

Il fitogeografico Subantártico Valdiviano Distretto è una delle sezioni in cui il divario fitogeográfica Sub – Antarctic Provincia , che copre la parte sud-occidentale del Cono Sud americano. Essa è caratterizzata da diverse formazioni di foreste sempreverdi temperate temperate e fredde, che di solito dominano Cohiues, alberi sempreverdi alti del genere Nothofagus , insieme a numerosi dicotiledoni alberi, conifere , bambúseas , liane , epifite , etc. E ‘il più piovoso quartiere fitogeográfica Subantartic Provincia . In queste foreste dominare generi e anche famiglie di distribuzione australe, e la sua flora e ricca di specie endemiche. l’umidità del terreno imbevuto sono Nadi e torbiere.

Sinonimia

In questa formazione, il distretto fitogeografica Subantártico Valdiviano, 1 2 3 è anche conosciuto come: Subregione Foresta di conifere Valdivia, 4 Foresta Valdiviano, 5 6 7 8 9 mese di ottobre sub-regione della Foresta laurifolia Valdiviano, novembre dicembre 13 Foresta temperato tipo Valdiviano, Valdiviano foresta pluviale umida, laurifolia Valdiviano, Valdiviana Selva, 14 Valdiviana Regione 15 Regione Rainforest Valdiviano, 16 pluviale Valdiviana, foresta pluviale Valdiviana sempreverdi, provincia Valdiviano foresta, provincia Sub Valdiviana, 17 18 , ecc; e nel contesto della intera Provincia fitogeográfica: Regione foresta sub – antartica, foreste Formazione antartiche, Subantártico Sud America, sub – foreste antartiche, Foresta di Magellano, Notohyle, Foreste sudamericano sub – antartica, Foreste andino-patagonico, Cordillerana Austral Foresta, Foresta Antartándico Distretto , Provincia antartandica, sub – Antarctic costiera Foresta, il sub – Antartico Regione giungle, sempreverdi boschivi Foresta cileno, Botanica Antarctic Province, etc.

Distribuzione

Secondo per la classificazione di Angelo Lulio Cabrera , 19 questa provincia fitogeografica comprende gran parte del sud del Cile, dalla latitudine 37 ° 20 ‘S fino al parallelo 47 ° S uno angostísima confinante striscia di sud-ovest dell’Argentina , da nord a sud, le province di: Neuquen , Rio nero , e Chubut , 20 21 con possibili ingreciones a Santa Cruz , in aree di lago O’Higgins / San Martin .

In Cile , aggiungendo i relitti del nord, copre i settori delle seguenti regioni , da nord a sud: Regione di Coquimbo , Regione di Valparaíso , Regione di O’Higgins , Maule , Bío Bío , Regione di Araucanía , regione dei Fiumi , regione dei Laghi , e la regione di Aysen del General Carlos Ibanez del Campo .

L’altitudine varia da 1200 m al livello del mare, sulla costa sud-orientale del Pacifico .

affinità floristiche

Questo distretto fitogeografico tiene stretto rapporto con il fitogeografico Distretto Magallánico Subantártico che sostituisce verso latitudini più alte, e il bosco di latifoglie Subantártico fitogeografico distretto che sostituisce è a una quota più elevata. Un fitogeografico Subdistrict o variante nord di quest’ultimo è mostrato in composto di rovere-Pellin (formazione Nothofagus obliqua ), e Rauli ( Nothofagus nervosa ), entrambe le specie sono caratteristici del centro-sud del Cile , essendo sul lato del Argentina solo nel bordo centro-occidentale della provincia di di Neuquen . Alcuni autori considerano questa formazione come un membro del fitogeografico Distretto Subantártico Valdiviano.

Si è anche legato alla fitogeografica Maulino District o esclerófilo Foresta del Cile, della fitogeografica Provincia di Cile centrale o in Cile Matorral, che sostituisce verso latitudini più basse; e ad un minor misura relativa al fitogeografica Provincia di Juan Fernandez , l’ arcipelago di Juan Fernandez .

Mantiene legami floristiche con la flora delle isole del Sud Atlantico : Malvinas , Georgias del Sur e Sandwich del Sur , e ad una misura minore, con la flora di Antartide , e la lontana Nuova Zelanda , ovvero il dominio fitogeografico antartica , e il lontano neozelandese dominio fitogeografico .

In passato geologico foreste Valdiviana si diffondono molto più a nord e ad est, che collega con la flora del sud del Brasile , e le foreste del Yungas del nord-ovest argentino di Argentina , Bolivia e il Perù ; qui viene il genere Chusquea e vari generi di Mirtáceas , tra gli altri. Così ha fatto verso sud, occupando le loro foreste settori della Penisola Antartica e le isole Falkland . Ci sono ancora relitti boschivi Valdiviana nelle montagne di Aconcagua e la foce del fiume, Limarí nella foresta di Fray Jorge .

Caratteristiche

Il Distretto fitogeografico Subantártico Valdiviano è caratterizzata da diverse formazioni di foreste sempreverdi, che di solito coihues dominano sia la coihue comune ( Nothofagus dombeyi ) come coihue Chiloe ( Nothofagus nitida ) quest’ultimo in luoghi di bassa quota; Essi accompagnano numerose dicotiledoni albero, conifere, bambúseas, liane, epifite, etc. E ‘il più piovoso quartiere fitogeográfica Subantartic Provincia . In queste foreste dominare generi e anche famiglie di distribuzione australe, e la sua flora e ricca di specie endemiche. l’umidità del terreno imbevuto sono frequenti Nadi e palude muschi .

Il Distretto Valdiviano inizia sviluppata dove le precipitazioni annuali accumulati sono superiori a 1500 mm. La specie dominante è il coihue. Questo imponente albero che può superare i 40 m di altezza e 2 m di diametro crescente dal livello del mare a 900 m, dove inizia Subantártico fitogeografico Distretto bosco di latifoglie .

Terreno

Il terreno è roccioso o sabbioso, con uno strato superficiale fertile di cenere vulcanica.

Sollievo

Il terreno è montuoso, con valli e laghi glaciali, torrenti, ecc

Clima

Il clima più caratteristico è Patagonia umida, che è generalmente fresco e umido, con la neve in inverno e il gelo nella stagione calda in formazioni a quote più basse, la sofferenza quelle che si trovano al di sopra di 300 m rischio di gelo in tutta anno. E ‘a nord più temperato e ovest, dove in prossimità delle coste del Pacifico climi miti sono presentati: fresco marittimo marittimo e caldo, e in alcune insenature costiere più settentrionali clima marittimo del Mediterraneo è presentato.

Il clima è temperato termico nel nord e ad ovest, e freddo nelle contrafforti andini. Il clima è umido dell’acqua in tutta la provincia fitogeografico, causata dall’ingresso di masse d’aria umide del Pacifico , che perdono gran parte della loro umidità precipitazioni a collidere con il Catena Costiera e poi la cordigliera delle Ande . Le precipitazioni sono abbondanti per tutto l’anno, soprattutto in inverno; accumulata ferie annuali da 1500 mm superiore in alcune aree 5000 mm.

Principali specie

Le comunità climáxicas in questa provincia sono fitogeográfica meridionale genere faggeta Nothofagus latifoglie sempreverdi accompagnati da varietà, conifere, ecc

strato emergente
Ecco: il coihue comune ( Nothofagus dombeyi ) coihue Chiloe ( Nothofagus nitida ), nel sud del Larice ( cupressoides Fitzroya ) -in terreni saturi d’acqua e ácidos-, l’Ulmo ( Eucryphia cordifolia ), etc.
il baldacchino
Qui ci troviamo: cipresso Guaitecas ( Larice del ), Olivillo costiera o biglietto ( Aextoxicon punctatum ), noccioli ( Gevuina nocciole ), il tineo ( Weinmannia trichosperma ), diacanthoides Flotovia , Caldcluvia paniculata , il huinque ( ferruginea Lomatia ) biancospino ( Rhaphitamnus cyanocarpus ), la femmina Maniu ( Saxegothea cospicua ), il maschio Maniu ( Podocarpus nubigena ), il Tepa o hua-Huan ( Laureliopsis Philippiana ), alloro cileno Laurelia sempervirens ), laetevirens Pseudopanax , lingue ( Persea lingue ), il trevo ( diacanthoides dasyphyllum ), etc.
intercalare
con vari mirtáceas, come luminanza ( Amomyrtus luma ), il mirto ( Luma apiculata ) e pitra o patagua ( Myrceugenia exsucca ), Myrceugenia chrysocarpa , Radal ( Lomatia hirsuta ), diverse specie di Maitenes, per esempio Huayo ( magellanica Maytenus ), Meli o luma bianco ( Amomyrtus Meli ), la cannella ( drimys winteri ), Boldo ( Peumus boldus ), il litro ( Lithrea caustica ) quillay ( Quillaja saponaria ), notro ( Embothrium coccineum ) stregoni Stick ( Latua pubiflora ), rosa tupa ( Lobelia bridgesii ), etc.
strato arbustivo o sottobosco
E ‘ricco di cespugli e canne bastoni di bambù ( Chusquea Quila , Chusquea culeou e Chusquea Argentina ). Tra gli arbusti, i più noti sono i berberidáceas come il calafate ( Berberis microphylla ), Berberis Darwinii , Berberis pearcei , il Murta ( Ugni molinae ), il chin-chin ( Azara microphylla ), lanceolata Azara , il coicopihue ( magellanica Philesia ) Chaura ( Pernettya mucronata ), magellanica Facelia , umbelliformis Baccharis , patagonica Baccharis , Baccharis racemosa , Aristotelia maqui , Escallonia virgata , sette camicie rosse ( Escallonia rubra ), Coriaria ruscifolia , Gaultheria , Crinodendron hookerianum , Coriaria ruscifolia , alla griglia ( Ribes magellanicum ), Ribes trilobum , il Pañil ( Buddleja globosa ), Myrceugenia , il Tepu ( Tepualia stipularis ), Ovidia pillopillo , Rubus geoide , Ugni molinae , il Taique ( Desfontainia spinosa ), etc. Accanto alle cascate o piste con elevata umidità evidenziare la Pangue ( Gunnera tinctoria ), il chilco ( Fuchsia magellanica ), etc.
strato erbaceo
In generale dominata da diverse specie di Amancay , di orchidee terrestri, felci e molte altre specie erbacee. Caratteristiche principali includono: la Palmilla felce ( Lophosoria quadripinnata ), Valeriana lapathifolia , Viola , Mimulus , Codonorchis lessonii , lutea Asarca , Chloraea , Arachnites uniflora , Oxalis valdiviensis , fragola bianca ( Fragaria chiloensis ), lagenophora irsute , chilense adenocaulon , Perezia palustris , Senecio parodii , otites Senecio , Calceolaria , il huiñal ( Equisetum bogotense ), Nertera depressa , Lobelia Tupa , magellanica Gunnera , Gentiana , Uncinia , Blechnum penna-marina , felce saltbush ( Blechnum chilense ), Blechnum magellanicum , Asplenium , Polystichum , Dryopteris , Macrachaenium gracile , ecc
e lo strato di muschio epifite
Ci sono un sacco di licheni, muschi e parassiti: il quintral ( Tristerix tetrandrus ), Myzodendron punctulatum , Myzodendron brachystachyum , funghi, come Aldebaran ( Cyttaria Darwinii ), Phrygilanthus tetrandrus , felci epifite, etc. Nelle quote più basse abbondano medallita ( scandens Sarmienta ) e PoE ( Fascicularia bicolore ), un bromeliad . In problemi molto umidi o drenaggio immette il terreno è coperto con uno strato di muschio Sphagnum magellanicum .
strato scandent
Abbondano nei settori umidi e caldi. Mette in evidenza il copihue ( Lapageria rosea ), il Boquila ( Boquila trifoliata ), la bottiglia ( Mitraria coccinea ), Eccremocarpus scaber , Dioscorea brachybotrya , Griselinia ruscifolia , Asteranthera ovata , Cissus striata , integerrima Ortensia , ecc

sottodistretti fitogeografica

In questo distretto fitogeografico è possibile suddividere in alcune comunità o fitogeografico Sottodistretti.

Fitogeografico sottodistretto Subantártico Valdiviano coihue comune
Si trova nelle aree circostanti i laghi andini, tra 400 e 900 m; Sono cooler causa dell’altitudine, e zone precipitazioni annuali inferiore a 2500 mm. Domina ampiamente dombeyi Nothofagus , con alcuni esemplari di cipresso montagna ( chilensis austrocedrus ). Ci sono alcune comunità edafiche, evidenziando comprese le foreste mirti ( Myrceugenella apiculata ).
Subantártico pioggia sottodistretto fitogeografico Valdiviano Andino
Si trova alla stessa quota di cui sopra, ma la pioggia annuale è sopra i 3000 mm. In questa formazione la vegetazione si arricchisce enormemente specie di alberi, arbusti, erbe, ecc, mettendo in evidenza l’aumento di liane, e epifite; muschi qui sono materassi spessi sui rami, che assomigliano intera foresta a una foresta pluviale trasportato in latitudini più alte, con grandi esemplari di felce Palmilla ( Blechnum chilense ), formando un piccolo tronco di 50 cm di altezza e 15 cm di diametro, simile le felci arboree.
Subantártico pioggia sottodistretto fitogeografico costiera Valdiviano
Inoltre chiamata “Selva de Chiloe ‘. E ‘il culmine di fitogeografico distretto e la formazione di maggiore biodiversità di tutto Provincia fitogeográfica. Essa si verifica ad altitudini non superiori a 200 metri, e dove le precipitazioni annuali è superiore a 1.600 millimetri, raggiungendo il suo picco oltre i 2500 mm. Molto di ciò che è stato detto al precedente formazione è applicabile nel caso, anche se si continua ulteriore arricchimento della vegetazione con la somma di esigere specie dal punto di vista termico e la profusione di liane e epiphytes; così l’immagine è rinforzata foresta pluviale. Qui Coihue azioni comuni predominio con coihue Chiloe ( Nothofagus nitida ), in aggiunta a molte specie di alberi, sia latifoglia sempreverde e alcune conifere. E ‘distribuito principalmente sulle pendici occidentali della Cordillera de la Costa e la regione di Chiloe dell’arcipelago .

Riferimenti

  • Bean. 1981 W. Hardy alberi e arbusti in Gran Bretagna. Vol 1-4 e supplemento. Murray.
  • Cabrera, AL; 1976. fitogeográficas argentini Regioni. Enciclopedia Argentina agricoltura e giardinaggio, Volume II Fs. 1. Ed. ACME. Bs. As. Argentina. Pp 1-85.
  • Cabrera, AL e Willink, W.;. Biogeografia in America Latina, OAS, Ser. Biol., Monogr. 3: 1980.
  • Chebez, JC; Guida alla naturale Riserve Argentina. Volume 1: Nord Patagonia. pp 192.Editor: Albatros Editorial, 2005. ISBN 9.502.410,564 mila .
  • Chebez, JC; Guida alla naturale Riserve Argentina. Volume 2: Patagonia meridionale. pp 192.Editor: Albatros Editorial, 2005. ISBN 9.502.410,572 mila .
  • Donoso, C. 2005. Cile alberi autoctoni. Guida di riconoscimento. Edizioni Edizione 4. Marisa Cuneo, Valdivia, Cile. 136p.
  • Hoffmann, Adriana . 1998. Flora del Cile, zona centrale. Foundation Edition 4. Claudio Gay, Santiago. 254 pp.
  • Laclau, P. 1997. Gli ecosistemi forestali e l’uomo nel sud del Cile e Argentina. Bollettino Tecnico 31. Argentina Fondazione Wildlife, Mondo Wild Life Foundation. 110 pp.
  • Quiroga, Maria Paula. Confronto tra il sud generi foresta temperata e tucumano foresta boliviana considerando specie arboree abitudine. Gayana Bot. [Online]. 2010 vol.67, n.2 [citato 2011-12-02], pp. 176-187.
  • Rodriguez e Quezada R., M. 2003. Fagaceae. Marticorena C. e R. Rodriguez [eds.], Flora de Chile Vol. 2 (2), pp 64-76. Università di Concepción, Concepción, Cile.

la foresta pluviale temperata

Le foreste temperate umide sono le foreste situate ad una latitudine media che ricevono grandi quantità di precipitazioni soprattutto perché sono in aree di clima oceanico . Possono essere foreste di conifere (dove predomina il gimnosperme ) o legno (dove le piante a foglia larga o foglie predominano angiosperme ). Trovato a nord ovest di Nord America , West Europe ( Gran Bretagna , Norvegia e nord-ovest la Spagna ), nel sud del Cile e del sud-ovest Argentina , Sud-Est dell’Australia ( Tasmania / Victoria ) e la costa occidentale della Nuova Zelanda ). Altri, al contrario crescono in aree subtropicali e ad est del Mar Nero (nord-est della Turchia e occidentale della Georgia ), sud e sud-ovest del Mar Caspio (sud-est e nord-est di Azerbaijan e nel nord dell’Iran ), l’ Isola del Nord della Nuova Zelanda , Sud Africa , Giappone e Taiwan .

foreste pluviali temperate si distinguono dalle altre foreste temperate da alcuni fattori:

  • Precipitazioni: Alta precipitazioni (minimo 2.000-3.000 mm / anno, a seconda della latitudine), quasi sempre dai venti oceanici.
  • relativa vicinanza a l’ oceano: le foreste temperate umide dipendono dalla vicinanza del mare e moderate variazioni stagionali di temperatura , la creazione di inverni più miti e le estati più fresche che in zone a clima continentale. Molte foreste temperate umide sviluppano nebbie in estate per tenere gli ospiti fresche durante i mesi più caldi.
  • Montagne costiere: le foreste pluviali temperate si sviluppano quando c’è montagne vicino al mare, aumentando il livello di precipitazioni sui volti che si affacciano sul mare.

Tipi

Ci sono fondamentalmente due tipi di ecosistemi definiti come foreste temperate umide:

  • foresta laurifolia o foresta pluviale temperata, come in Cile.
  • Temperato foresta di conifere umida, come la costa occidentale del Nord America.
  • foresta decidua umida, comune in Europa occidentale.

Temperato foresta decidua

Una foresta decidua , aestisilva o estisilva 1 è un tipo di foresta temperata che si trovano nella zona orientale e occidentale degli Stati Uniti e in Canada , l’Europa , la Cina , il Giappone , la Corea e la Russia europea . Questo tipo di foresta è composta da alberi decidui alberi che perdono le foglie ogni anno a causa della stagione fredda e secca d’inverno e si rinnovano per la stagione molto caldo e piovoso clima continentale umido , come la foresta di querce , aceri , si dispone e olmi . Fa parte del bioma chiamato temperate bosco di latifoglie .

Tuttavia, in Europa occidentale il bosco di latifoglie è tipica biocenosi del clima marittimo . Predominano le specie che perdono le foglie in autunno e inverno. Si trova tra 35º e 55º di latitudine in facciate occidentali e facciate orientali compreso tra i 35 ° e 45 °. Esso ha un regime termico moderato, con temperature medie mensili sempre superiori a 0 ° C, e un abbondante delle precipitazioni e ben distribuita durante tutto l’anno, dove l’aridità o non in qualsiasi mese, portando l’umidità al piante è garantita. Infatti, le piante devono affrontare il fenomeno opposto: un eccesso di acqua che il suolo non è più in grado di assorbire e raggiunge inondando bassi – aree sdraiata. Esso ha quattro stagioni distinte: primavera, estate, autunno e inverno, con una attività biologica distinta in ciascuna.

Piante e loro adattamenti

Le piante di questo bioma devono essere molto ben adattati a sopravvivere in queste condizioni. Ad esempio, alberi come Fagus , l’ abete bianco e olmo hanno foglie che assorbono l’acqua e la luce del sole . I rami degli alberi fare di più che fornire ombra ad altre creature di questo bioma, in quanto forniscono anche i nutrienti necessari per l’albero di prosperare. Un altro esempio di adattamento di questi alberi è il fatto che la foglia in inverno muovono fuori . In seguito a tale mossa, gli alberi sono lasciati con alcun modo per sudare , che sono in grado di trattenere l’acqua per sopravvivere l’inverno.

azione antropica

L’ essere umano ha colonizzato in numerose aree occasioni appartenenti a questa foresta. Ha usato anche queste foreste per il legname. Come un risultato, meno di un quarto delle foreste decidue originali in tutto il mondo.

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Pierre George 1991 Estisilva Dizionario di Geografia Akal

foresta temperata

Le foreste temperate sono quelle foreste situate in zone di clima temperato di entrambi gli emisferi.

Caratteristiche

La foresta temperata è molto variabile: in alcuni luoghi alberi predominano decidui mentre in altri le conifere sono più comuni. Ci sono anche boschi misti con alberi di conifere, latifoglie decidue sempreverdi a foglia larga. foreste temperate occupano aree con temperature precipitazioni moderate e abbondanti e uniformemente distribuite con un andamento stagionale marcata. La flora e la fauna delle foreste temperate sono molto diversificate, anche se molti animali migrano o sospensione durante il freddo inverno.

Tipi

Secondo il tipo di vegetazione può essere di legno o di conifere :

  • foresta temperata legno o foglia larga, che può avere più sottotipi a secondail tempo:
    • Temperato foresta decidua o aestisilva del clima continentale umido , piovoso in estate e in inverno piuttosto asciutto
    • foresta mediterranea o durisilva, del clima mediterraneo , l’inverno piovoso e secco in estate.
    • Temperato umido foresta tipo laurisilva , chiamato anche laurifolia bosco o foresta pluviale temperata, clima oceanico , piogge tutto l’anno.
    • foreste montane o nimbosilva del clima di montagna umido, che si trova a latitudini tropicali e subtropicali, ma ha un clima temperato grazie alla sua altitudine.
  • Temperato foresta di conifere o aciculisilva, anche chiamati a secco foreste di conifere , come il suo agocome foglie o aghi non perde molta acqua per evapotraspirazione.
  • Bosco misto , deciduo legno alternati a conifere sempreverdi.

Fauna

animali foresta temperata non sono molto visibili: uno per le loro abitudini notturne, altri perché vivono in le erbacce. Ci sono una varietà di vermi, insetti, lucertole e piccoli serpenti che abitano nel suolo, rifiuti e legno. Con i suoi colori e le abitudini anche un gran numero di uccelli passare inosservato. Quest’ultimo caccia dagli insetti ai cervi, in base alla loro dimensione. Allo stesso modo, gli inverni meno estreme rendono queste foreste sono eletti da numerose specie migratorie che provengono da ottobre a marzo dal Canada e dagli Stati Uniti d’America, come nel caso della farfalla monarca.

Per la sua ricchezza e la posizione, molti insediamenti umani sono stati installati in aree di foresta temperata, in modo che sono state sfruttate fin dai tempi pre-ispanici. Molti dei loro animali sono stati sfollati, alcuni sono quasi sul punto di scomparire, come gli orsi, ghiri, cinghiali, cervi, anatre, corvi, gatti selvatici, tra gli altri.

Clima

E ‘ temperato estati calde e inverni freddi sono presentati, con precipitazioni annue tra i 500 1 e 2000 mm, e le temperature variano tra i -30 ° C e 30 ° C nel mese di febbraio con una media di 10 ° C. 3 La neve è comune nella parte settentrionale della regione ma diminuisce nell’estremo sud.

Terreno

La copertura vegetale denso e estati calde e umide permette il massimo sviluppo di materiali organici che formano uno strato di humus ben sviluppata, di solito in terreni limosi. La superficie del terreno è di colore marrone scuro e leggermente acidulo, con conseguente strati più rosse sotto l’accumulo di ossidi di ferro. Si tratta di un terreno ricco e fertile.

Flora

Queste foreste sono composti principalmente di alberi decidui, scartato le foglie ogni autunno e sviluppare un nuovo complemento ogni primavera; di conseguenza, sono molto marcate variazioni stagionali nella comparsa di queste foreste. Come si va a sud, appaiono sempre più specie di latifoglie sempreverdi. Le foreste hanno diversi strati, con 1 o 2 strati di alberi, uno strato arbustivo e strato erbaceo. Di solito c’è una esplosione di specie erbacee di crescita e fioritura durante la primavera. Conifere, in particolare i pini, il suolo appaiono in molte situazioni particolari; per esempio, dove gli incendi sono terreni frequenti o poveri. Alcuni alberi in genere producono grandi quantità di semi in pochi anni e pochi altri. Le viti sono più comuni che in altre foreste della zona temperata, forse essere in grado di competere per la luce quando gli alberi hanno perso le loro foglie; tuttavia, epifite sono assenti, forse perché sono altamente esposti a basse temperature invernali.

Diversità

Queste foreste sono strutturalmente complesse; Alcuni supportano un’ampia varietà di specie vegetali che, a sua volta, fornisce sia le risorse alimentari e spazio per una grande varietà di animali. Ogni tipo di foresta principale supporta il proprio insieme di specie vegetali e animali; boschi di conifere supportano diversi da quelli di aumentare la diversità di latifoglie su un flore base locale e faune. Questa zona ha la più grande diversità di alcuni gruppi, soprattutto insetti, al di fuori dei tropici. La diversità delle piante in Nord America e Asia orientale è molto grande perché hanno preso rifugio in luoghi tropicali durante le glaciazioni; d’altra parte, in Europa diversità è basso perché il Mediterraneo potrebbe impedire indietro prima dell’arrivo dei ghiacciai.

Molti grandi gruppi di alberi sono presentati in questo settore con le maggiori famiglie albero come Pinacee, Fagaceae, Juglandaceae, Aceraceae, Salicaceae e Betulaceae . Il Rosaceae e Ericaceae sono arbusti dominanti le famiglie, mentre per le erbe sono le famiglie dominanti Caryophyllaceae, ranuncolo, Cruciferae, Umbelliferae, Labiatae e Compositae . Gli ambienti della zona sono abbastanza variato in modo che nessun gruppo particolare di animali per diventare dominante, ma non vi è una grande diversità di alcuni gruppi, tra cui salamandre (con alcune famiglie endemiche di questo settore) e le tartarughe. Essi sono ben rappresentati in questo settore uccelli passeriformi , talpe, roditori più piccoli e cervi.

Impianto adattamenti

Le ampie, foglie sottili di angiosperme albero crescono rapidamente, in modo efficiente intercettare i fotoni e di fornire alcuni organi fotosintetici efficaci durante le estati calde e umide in questo settore. Tuttavia, essi sarebbero dannosi durante la dormienza invernale degli alberi, consentendo la perdita d’acqua e possibili danni al freddo, quando non la fotosintesi; quindi gli alberi che ne derivano al momento. La rapida crescita e la fioritura di molte erbe forestali possono approfittare del breve periodo primaverile calda e alberi abbondanti prima che le foglie si sviluppano luce del sole, che è importante per gli insetti impollinatori. la produzione simultanea di grandi quantità di semi permette molti potenziali predatori di semi di fuga.

Voi adattamenti degli animali

Come la flora, la fauna presenta molti tipi di adattamenti stagionali. Un’alta percentuale di uccelli e pipistrelli migrano a sud durante l’inverno, mentre i restanti pipistrelli e alcuni altri mammiferi vanno in letargo durante questo periodo di poco cibo e le condizioni meteorologiche avverse. conservazione degli alimenti è possibile a causa della facilità di memorizzazione a basse temperature, e questo adattamento è importante per alcuni taccole e scoiattoli specializzati in alberi che producono molto in pochi anni come querce e faggi. Cicale, con sorprendenti cicli sincronizzati di emergenza permette loro di saturare le popolazioni di predatori, sono caratteristici di questa zona.

effetti umani

Le popolazioni umane sono molto elevati in questo settore (tra cui molti dei più grandi città del mondo), che si caratterizza come la vita vegetale e animale raccoglibile climaticamente piacevole e molto produttivo. Perché il terreno è eccellente per l’agricoltura, molte foreste sono stati tagliati lungo in tutto il mondo. Inoltre, molte specie di alberi sono legname prezioso così queste foreste venivano colpiti molto tempo prima che l’agricoltura estensiva. In alcune zone, stanno emergendo crescita secondaria di molte specie native della zona, ma gli esseri umani sono stati favorendo la pineta attraverso le piantagioni commerciali e programmi di riforestazione. diverse specie di alberi foresta è caratterizzata, come la foresta dove nelle loro aree piogge quasi tutto l’anno che caratterizza foresta nuvola assemblato si caratterizza per la sua temperatura variabile tra 8 e 23 ° C. foresta temperata è caratterizzata da clima la maggior parte dell’anno è tenuto umido sotto forti venti herbazales latifoglie rosetta. La foresta temperata è anche caratterizzata da suoi alberi che costituiscono la flora.

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ Francisco Alcaraz 2012, Biomes temperata Università di Murcia
  2. Torna alla cima↑ Il bosco bioma Università della California Museo di Paleontologia
  3. Torna alla cima↑ temperata foresta decidua Earth Observatory, NASA

bosco di latifoglie miste

Le foreste di latifoglie miste sono formazioni forestali dominato nello strato arboree ‘s lì e latifoglie cenere in regime codominance. boschi di latifoglie miste sono sviluppati nel Eurosiberiana Spagna il substrato di acido.

Nel suo corteggio floristico abbiamo trovato il mirtillo rosso ( Vaccinium myrtillus ), il castagno , il noce , il biancospino e rosa , tra le altre specie.

© 2017 paolaharris.it

Theme by Anders NorénUp ↑