CategoryCultura di Amazonas (Colombia)

Manguaré

Il Manguaré è uno strumento a percussione di origine pre – colombiana uno utilizzato dalle comunità indigene amazzoniche per annunciare i messaggi, le cerimonie, le dichiarazioni di guerra e anche l’amore. 2

È costituita da due tronchi, uno più sottile rispetto agli altri. Si è colpito con due mazze di legno, dove il suo punto più spesso è avvolto da un nastro di gomma nera, tessuta con una retina per capelli.

suono Manguaré può essere sentito fino a 20 km di distanza. 3

Storia

Molti anni fa, gli uomini Huitoto scoperto che molti animali sono comunicati con l’ altro attraverso vari successi, come ad esempio picchi di alberi e alcuni pesci che colpisce la superficie dell’acqua con le pinne. Pertanto, hanno sviluppato e costruito il Manguaré di comunicare. 4

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Il Manguaré a scrittori amazzoniche Accessed 05/31/11
  2. Torna a inizio pagina↑ Il Manguaré in Kinua Blogspot Accessed 31/05/11
  3. Torna a inizio pagina↑ Il suono di Manguaré in RANPA Accessed 05/31/11
  4. Torna a inizio pagina↑ Il Manguaré in Kinua Blogspot Accessed 31/05/11

Jatdiko

Folk dance di Colombia appartenente agli indigeni delle huitotos principalmente guidati da capi tribali, il nome jatdico corrisponde il bastone cavo, dove la gente balla nel bagagliaio principalmente sul bastone manioca.

Questa danza è anche simile, in alcuni arti marziali principalmente come giochi sono simili a quelle di combattimento, come ad esempio l’intrattenimento juego del garrota e giocare il juego del Palo principalmente, ma questo strumento è gestito in modo diverso. Nella mia vista yadiko danza è qualcosa di molto più importante di un semplice divertimento; come Konrad Preuss che abbondantemente commentato il significato delle uitotos diverse danze, danza yadiko dovrebbe essere collegato ai miti fondanti delle uitotos. Il tronco rappresenta il serpente Anaconda primordiale, lo stesso serpente il cui sacrificio ha dato alla luce i uitotos nazione concepito. Nel mito intitolato “mostro serpente” si vede un serpente stava divorando ogni uomo finisce fino morto e il suo corpo viene consumato da uomini, sono distribuiti che le diverse parti del corpo. antropologo colombiano Fernando Urbina uitotos specializzati proposto spiegazioni di questo mito fondatore. In questa danza sono stati anche colpiti i tacchi, mentre i ballerini sono vestiti in maschere sono realizzate dalla corteccia degli alberi e del legno.

Oltre ad utilizzare le voci dei cantanti, questa danza è accompagnata da strumenti musicali come flauti e campane, che sono costituiti da fibre di palma cumare legate.

lingua Andoque

Il Andoque è una lingua indiana americana parlata da poche centinaia di indigeni Andoque durante il fiume Caqueta in Colombia, e ora in declino nel numero di altoparlanti. 1

Nel censimento del 2000 ha avuto 610 relatori in materia di fiume Anduche , a valle Araracuara ( Amazonas , Colombia ); 50 di loro erano monolingue in quella lingua. In precedenza aveva parlato anche della lingua esteso dal Perù. 80% di lingua spagnola fluenti.

Parentela

E ‘ generalmente considerato che il Andoque è una lingua isolata , 2 anche se alcuni autori come Kaufman (1994), ha proposto che potrebbero essere distante relativi alle lingue bora-huitoto .

Descrizione

Fonologia

vocali

precedente centrale dopo
Hai chiuso i i ɨ o
collant e ê ~ Ə ə o ô
aperto  ʌ ~ ʌ ɒ

Sono nove le vocali nasali orali sei, che possono avere il tono alto o basso.

consonante

labiale alveolare palatale velare glottal
occlusiva sordi p t k ʔ
oclusivas suono B d j (y)
nasale m n ɲ (N)
fricativa sordi F s h

Classificatori

Il soggetto non appare come un nome o sostantivo nudo, ma è accompagnato da segni di genere o di classificatori nominali (che indicano le cose sulla geometria). Questi classificatori nominali sono:

animato

maschio

presente (- e -)
assente (- o -)
femminile

presente (- î -)
assente (- Ô -)
colectvo (- ə -)
inanimato

morbido o ad incasso (- o -)
rigida o allungata (- o -)
altro (- ʌ -)

Contrassegna persona soggetto può essere o – ( “I”) ha – ( “voi”), ka – ( “noi”) – ( “voi”).

Il predicato verbale aggettivo hanno un suffisso che corrisponde all’indice del soggetto: – ʌ per animato e morbido o cavo; – O per rigido o allungata; – Io per gli altri. In aggiunta è contrassegnato con prefissi che indicano la modalità, l’indirizzo o indirizzo e aspetto infisso di tempo. Il predicato (che cosa è di per sé) hanno corrispondenza suffisso o un prefisso dinamica, ma possono presentare il tempo infisso e modo come verbo . Le altre funzioni trama (beneficiario, strumentale, locativo) appaiono fuori del verbo in forma di indici suffisso da un segno di caso . Ci sono 11 suffissi casuali.

Epistemica

Inoltre , la preghiera ha segni di conoscenza o epistemica in base al mittente conosce il fatto della mia propria conoscenza, o se per aver sentito parlare di un’altra persona, o per deduzione, etc.

Vi è anche un marchio -nokó mira della storia, sia mettendo in evidenza le protegonistas o che indica il punto culminano nella storia. Nel linguaggio risorse esistono per rappresentare l’azione dal punto di vista del soggetto o altri partecipanti, sia dal punto di vista di un osservatore esterno.

Note

  1. Torna alla cima↑ Ethnologue
  2. Torna a inizio pagina↑ Aschmann 1993

Riferimenti

  • Aschmann, Richard P. (1993). Proto Witotoan . Pubblicazioni di linguistica (n ° 114). Arlington, TX: SIL e l’Università del Texas ad Arlington.
  • Campbell, Lyle. (1997). Americani lingue indiane: Le linguistica storica di indiani d’America . New York: Oxford University Press. ISBN 0-19-509427-1 .
  • Gordon, Raymond G., Jr. (Ed.). (2005). Ethnologue: Lingue del mondo (15 ° ed.). Dallas, TX: SIL International. ISBN 1-55671-159-X . (Versione online: http://www.ethnologue.com ).
  • Greenberg, Joseph H. (1987). Lingua nelle Americhe . Stanford: Stanford University Press.
  • Kaufman, Terrence. (1994). Le lingue indigene del Sud America. In C. Mosley & RE Asher (Eds.), Atlante delle lingue del mondo (pp. 46-76). London: Routledge.

© 2017 paolaharris.it

Theme by Anders NorénUp ↑