CategoryFlora del Rio delle Amazzoni

Diphysa punctata


Diphysa puntiformi o Sarrapia è un albero della famiglia delle Fabaceae , che viene estratta la cumarina , aromatizzanti sostanza.

Scientificamente è stato conosciuto per un lungo periodo di tempo, con il nome di Coumarouna punctata . Il nome della sostanza fa riferimento al il vecchio nome scientifico.

NOTA: Dipteryx punctata (SFBlake) Amshoff Riconosciuto da Cavalcante de Lima H, Database Ildis mondiale di legumi nel Catalogo della vita nel Catalogo di unione solidale: Catalogue of Life. Accessibile tramite http://www.gbif.org/species/119022900 su

14/07/2014 Non è confusione tra due specie, Diphysa punctata è endemica in Messico e Dipteryx punctata è endemica in Amazzonia in Brasile, Venezuela, Guyana, Guyana Francese e Colombia, così riteniamo che appare in Hoyos

specie descritte per il Messico. Maggiori informazioni su Aguilar Aguilar &-H. (2013)

Descrizione

Albero 8-30 m di altezza. Composto lascia con 4-6 foglioline ovate a oblunghe, poco acuminate all’apice, coriacee, glabre, con punti traslucidi, lungo 6 a 15 cm da 3-6 cm di larghezza.

Fiori in brevi pannocchie, rufous-tomentose. Bratéolas brattee ovate e fino a 7 mm di lunghezza. Rufous-tomentose calice esternamente svasato, bilabiate, con il tubo lungo circa 4 mm; i primi due segmenti ovato-oblunghe, un po ‘pubescenti fino a 9 mm di lunghezza; inferiore tridentate brevemente labbro. Petali di circa 9 mm di lunghezza, molto irregolari. bandiera di forma ovale o orbicolare e profondamente emarginate all’apice. ali oblique-oblunghe o ovate, si emarginate. Quilla stretta oblunga. Stami 10. leguminose ovoidale, drupacee, indeiscenti, lunga circa 5 cm da 3 cm di larghezza, con un solo seme. Il legno è duro, di colore marrone, a grana fine, grandi pori e pieno di bianco e maleodorante.

Distribuzione

Questo albero cresce spontaneamente dal sud del Venezuela , nel nord del Brasile e la zona di Guyane . In Venezuela abbondante soprattutto nelle sorgenti degli affluenti della riva destra del fiume Orinoco , dove si formano ampie macchie o sarrapiales .

Sviluppo e condizioni

Cresce bene in un’ampia varietà di suoli, ma preferisce generalmente argini, con terra formata a seguito di inondazioni, con struttura allentato, qualcosa sabbia o ghiaia e ricco di humus. Si può sviluppare in generale in tutti i tipi di terreno, purché ben drenati.

Anche se sarrapia possono sopportare brevi periodi di siccità, richiede precipitazioni tra 1.500 e 2.500 mm e la temperatura media annuale di 21-26 ° C.

Il sarrapia reale, legumi della farfalla di coda forcuta , diffonde i semi, che possono essere piantati in un vivaio o in sua corretta posizione. In gioventù richiede ombra moderata o parziale fino a che non possono raggiungere altezze di 1-2 m. In alcuni paesi, quando fanno le piantagioni artificiali, di solito mais pianta o banane tra gli alberi per fornire ombra di loro. A Trinidad, dove ci sono le piantagioni, spesso raccogliere i frutti tra i mesi di marzo a maggio.

Usi

Il seme viene estratto cumarina utilizzato per aromatizzare. L’uso dei semi, come talismano era comune tra Indiani amazzonici che architettato collane e bracciali con loro. Come un albero ornamentale può essere utilizzata in zone calde e sarebbe molto prezioso per la luxuriance del bicchiere e del suo tronco dritto.

Importanza

Ci sono piante che sono strettamente legati al la sviluppo di una regione o anche un paese diverso da avere la potenziale utilità non sono stati sfruttati per la massima dal sottraendo la nazione di ingressi economici significativi. Tale è il caso di fave tonka, l’ albero emblematico dello stato di Bolivar in Venezuela , un albero che ha in sé ben favorito, in parte, la regione meridionale dove si cresce spontaneamente, è stata una fonte di grande ricchezza per l’ intera Venezuela di piantagioni artificiali.

Il valore economico e commerciale di questo bellissimo albero risiede nel seme da cui l’estratto cumarina , vaniglia aromatizzata sostanza che viene utilizzata per insaporire alcuni tabacchi, snuffs, profumi, saponi, liquori e prodotti da forno.

Tra tutte le specie di sarrapias in Venezuela, il più prezioso e che viene estratto tanto cumarina è la vera sarrapia o Yape, scientificamente conosciuto come di Diphysa punctata .

Lo sfruttamento del raccolto è coltivato da Ciudad Bolivar . Attualmente i principali paesi produttori sarrapia sono il Brasile , il Venezuela , Trinidad e Tobago .

Tassonomia

Diphysa punctata è stato descritto da Per Axel Rydberg e pubblicato in Nord America Flora 24 (4): 211. 1924. 1

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ ‘ Diphysa punctata ‘ . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 7 Gennaio 2014 .
  • F. Hoyos, Gesù. Flora Emblematico del Venezuela . Caracas, Venezuela: Armitano Editorial, 1985. ISBN 980-216-008-3 .
  • F. Hoyos, Gesù. alberi Venezuela Guida . Caracas: Sociedad de Ciencias Naturales La Salle, Monografia n ° 32, 1983 * Articolo su sarrapia ( Dipteryx punctata ), pp. 192-193.
  • CONABIO, 2009. specie tassonomica catalogo Messico. Ca. nat. Messico 1.
  • articolo di riferimento Rydberg, PA 1924. Fabaceae-galegeae (pars). N. Amer. Fl 24 (4) :. 201-250. Visualizza in Biodiversity Heritage Library

Copaifera officinalis


Il copaiba , officinalis Copaifera , chiamato anche a Porto Rico e Venezuela bastone olio , uno è una specie di pianta da fiore appartenente alla famiglia delle Fabaceae

Distribuzione

Si tratta di un nativo del bacino amazzonico ; è in Brasile e Perù .Ci sono molti di questi a Cabimas , Venezuela .

Descrizione

È un albero che raggiunge i 20 metri di altezza con un diametro del tronco di 50 cm e leggermente ramificata. Le sue foglie sono verdi e pennate coppie, avere un paio di volantini in C.officinalis e due o tre in C. pubiflora . I fiori sono bianchi raggruppati in cluster terminali. Il frutto è un legume con un singolo seme .

Usi

biodiesel

Produce un sacco di olio dal suo legno e foglie. Un albero può produrre da 30 a 53 litri di olio all’anno, di massa produrre 10.000 a 12.000 litri / ettaro / anno, 2 che è incredibilmente alto. Il composto principale nell’olio è copaiba una oleoresina che è utile nella produzione di petrolio , come lacche e può essere utilizzato come biodiesel . L’albero è anche la principale fonte di copaene , un altro terpeni .

legno

Il legno può essere bruciato come legna da ardere o utilizzati in falegnameria.

collettore polline

Le api usano l’albero per raccogliere il polline .

medicinale
  • L’ olio essenziale è lassativo , diuretico e stimolante.
  • Utilizzato per il trattamento di processi infiammatori, emorroidi , cistiti e diarrea cronica.
  • Per il suo effetto calmante è usato contro raffreddori e bronchiti .
  • Se grandi dosi è irritante.

Tassonomia

Copaifera officinalis è stato descritto da ( Jacq. ) Linneo e pubblicato nel Species Plantarum, Editio Secunda 1: 557. 1762. 3

sininimia
  • Copaiva officinalis Jacq. 1760
  • Copaifera reticulata
  • Copaifera langsdorfii
  • Copaifera Canime
  • Copaifera pubiflora

Nome comune

E ‘popolarmente conosciuta come copale , olio di tung , olio dell’albero , Copai o copaibí .

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Malaret, Augusto (1970). Lessico flora e di fauna . Madrid: Comitato permanente della Association of Spanish Language Accademie. pp. vii + 569.
  2. Torna a inizio pagina↑ agricoltori Qld investire in alberi diesel-produzione , da Brigid Glanville, Mar 25, 2008, abc.net.au
  3. Torna a inizio pagina↑ ‘ Copaifera officinalis ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 15 mar 2014 .

Chufles

Il Chufle ( Calathea macrosepala K. Schum ) o Chufles è una pianta della famiglia di marantáceas , in quanto vi è una simile nord di Sud America chiamato ( Calathea allouia ) tuttavia questo è originaria dell’America centrale, in particolare nelle regioni di El Salvador, Guatemala, Nicaragua, Costa Rica, Panama e Messico. si verifica ad altitudini da 0 a 1.100 metri sul livello del mare, il suo fiore è commestibile e serve diversi piatti di diversi paesi.

Distribuzione

( Calathea macrosepala K. Schum ) o Chufles è considerato nativo di El Salvador , Guatemala , Nicaragua , Honduras , Costa Rica , Panama , Messico , è considerato introdotto in alcuni paesi dei Caraibi.

Descrizione

piante Caulescent, alto 0.6-1.8 m, asciugandosi ogni anno per essere solo il rizoma. Foglie basali 3-7 e 1-2 caulinares, lame lunghe 24-90 cm e 8-35 cm di larghezza, acuminate all’apice, verde con disegni di piume giallo-verdi lungo il nervo principale pallido grigio-verde in le parti inferiori e, occasionalmente, con 2 bande longitudinali rosse; pulvínulo glabra ad eccezione di una fila di tricomi sulla trave, verde oliva, picciolo glabra, verde, spesso assente, guaina apicale tomentosa, verde , o strisce viola. Infiorescenze ovoidali ellissoide, lungo 4-10 cm di lunghezza e 2,5-5 CMDE larga, brattee (5-) 7-41, persistente, eretti, minuziosamente pelose sulla superficie esterna, glabra o subglabrous al vertice nel mercato interno luce verde, fiori chiusa; sepali lungo 18-28 mm, bianco-crema; crema tubo di una corolla d’oro lunga 23-29 mm. Capsule obovoid, arrotondati, creme giallastri, sepali persistenti; Semi di grigio. La riproduzione è vegetativa da rizomi , che danno una media di 20 gemme ciascuno. Non vi è alcun agricoltura come avviene in habitat naturale in la stagione delle piogge, questa specie è utilizzato dalle popolazioni dei paesi in questione per insaporire i loro piatti soprattutto zuppe.

Comune nei boschi di latifoglie e sempreverdi, spesso in questo siti e foreste a galleria, ampiamente distribuito nel Pacifico e le aree del centro-nord disturbato; 0-1000 mt; radici completi e commestibili amido-riempita. Come C. erroneamente trattati allouia (Aubl.) Lindl. in altre regioni, è molto comune nella flora del Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Costa Rica e Panama flora.

Usi

I teneri germogli di infiorescenze sono cotti e mangiati come un vegetale in zuppe e altre ricette. Le foglie sono usate per avvolgere tamales e altri alimenti secchi radici tuberose contenere 13 al 15% di amido e 6,6% di proteine . Cotto consumato 15 a 20 minuti e mantenere una consistenza croccante anche dopo lungo tempo di cottura. Le chufles può essere servita in insalate e piatti di zuppa, ce ne sono molti, in particolare, tutto dipende dalla tradizione familiare di ogni regione.

Tassonomia

( Calathea macrosepala K. Schum ) o Chufles non hanno uno studio specifico, che è noto che le università in questi paesi conducono studi di flora, ma questa specie differisce un po ‘da ( Calathea allouia ) spuntano nel nord del Sud America e alcune regioni del Caribbean

sininimia
  • Americano Allouya (Lam.) A.Chev.
  • Americano Curcuma Lam.
  • Maranta allouia Aubl.
  • Maranta niveiflora A.Dietr.
  • Maranta semperflorens Horan.
  • Phrynium allouia (Aubl.) Roscoe
  • Filloide allouia (Aubl.) Kuntze 1

Nome comune

Si chiama Chufles (El Salvador); Chufles (Guatemala), Risomas (Nicaragua); lerenes (Costa Rica), lerenes (Panama), Flor Blanca (Messico)

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ “L’elenco delle piante: un elenco di lavoro di tutte le specie vegetali” .

Chelyocarpus Ulei

Chelyocarpus Ulei è una specie di palma originaria occidentale Amazzonia .

Descrizione

Chelyocarpus Ulei è una palma di un singolo stelo con foglie a ventaglio. Il gambo raggiunge 8 metri di altezza 1 e da 4 a 7 centimetri di diametro. 2

Tassonomia

Chelyocarpus ulei è stato descritto da Carl Dammer nel 1920 marzo e pubblicato in Notizblatt des Gartens Botanischen und zu Berlin-Dahlem Musei 7: 395. 1920. 4

etimologia

Chelyocarpus : nome generico deriva dalle parole Latino Chelys = tartaruga, e Carpi = frutta, che si riferiscono alla superficie di cracking del frutto simile al guscio di una tartaruga . 5

sininimia
  • Tessmanniophoenix longibracteata Burret 3

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ Dransfield, John; Natalie W. Uhl, Conny B. Asmussen, William J. Baker, Madeline M. Harley, Carl E. Lewis (2005). “Una nuova filogenetica Classificazione della famiglia delle palme, Arecaceae” . Kew Bulletin 60 (4): 559-69.
  2. Torna alla cima↑ Henderson, Andrew ; Gloria Galeano ; Rodrigo Bernal (1995). Field Guide alle palme delle Americhe . Princeton, New Jersey: Princeton University Press. p. 39. ISBN  0-691-08537-4 .
  3. ↑ Vai a:un bChelyocarpus Ulei ” . Lista di controllo mondiale delle famiglie vegetali selezionati . Kew Gardens . Richiamato il 13 settembre 2010 .
  4. Torna a inizio pagina↑ ‘ Chelyocarpus Ulei ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 17 Ago 2013 .
  5. Torna a inizio pagina↑ Chelyocarpus ulei in PalmWeb

Calathea allouia

Il leren ( Calathea allouia ) o Lairén è una pianta della famiglia delle marantáceas , originaria del nord del Sud America e dei Caraibi .

Distribuzione

E ‘considerato nativo di Cuba , Haiti , Porto Rico , le Piccole Antille , Trinidad e Tobago , Venezuela , Guyana , Suriname , Colombia , Ecuador , Perù e Brasile. E ‘considerato introdotto in Giamaica . 1 2 3 4 5 6 è stato introdotto anche su una scala limitata in varie regioni tropicali di tutto il mondo. 7

Descrizione

Si tratta di una pianta perenne. Tillers formano (focolai causati sulla base di un piede) di circa 1 m di altezza. Presenta ovoidali o cilindriche radici tuberose, 2 a 8 cm di lunghezza e 2 a 4 cm di diametro. Le foglie hanno breve di base avvolgente formando pseudostem; lunghe e scanalati piccioli; Sono semplici, si alternano, con apice acuminato, fogli ellittica, simile a foglie di banano, 20 a 60 da 5 a 20 cm; nervature parallele; visibile sul lato inferiore e la trave, glabra. Infiorescenza terminale eretta con crema brattee densamente embricate; fiori sono di colore biancastro, lungo 2 a 5 cm. Tuberizzazione inizia alle punte delle radici fibrose. La riproduzione è vegetativa da rizomi , che danno una media di 20 gemme ciascuno. 8 9

Usi

Secchi radici tuberose contengono dal 13 al 15% di amido e 6,6% di proteine . Cotto consumato 15 a 20 minuti e mantenere una consistenza croccante anche dopo lungo tempo di cottura. La leren può essere servita in insalate e piatti di pesce. 8

In Sud America, la medicina tradizionale attribuisce alla tintura della proprietà per il trattamento di cistite e come un diuretico . 8 Con le bevande tubero rituali sono preparati in Amazzonia. 9

Le foglie fresche sono stati utilizzati dai nativi per fare vestiti per i bambini, essendo resistente e durevole. 8

Tassonomia

Calathea allouia è stato descritto da ( Aubl. ) Lindl. e pubblicato nel botanico Registro; Composto da colorati . . . 14: sub pl. 1210. 1829. 10

sininimia
  • Americano Allouya (Lam.) A.Chev.
  • Americano Curcuma Lam.
  • Maranta allouia Aubl.
  • Maranta niveiflora A.Dietr.
  • Maranta semperflorens Horan.
  • Phrynium allouia (Aubl.) Roscoe
  • Filloide allouia (Aubl.) Kuntze 11

Nome comune

Si chiama dale dale (Perù, Amazzonia); acqua santa , cocurito (Venezuela), naunau (Colombia, Amazzonia); lerenes (Porto Rico), Tambu (Cuba), topitambo o topinambur (Antille); ARIA (Brasile, Amazzonia) e láirem (Brasile). 8 9

Riferimenti

  1. Torna in alto↑ Kew Mondiale Lista di controllo di famiglie di piante selezionate, allouia Calathea
  2. Torna in alto↑ Lindley, John. 1829. botanico Registra 14: sub pl. 1210, allouia Calathea
  3. Torna in alto↑ Aublet, Jean Baptiste Christophe Fusée. 1775. Histoire des Plantes di Françoise Guiane 1: 3-4, Maranta allouia
  4. Torna in alto↑ Forzza, RC 2010. Flora Lista Specie do Brasil http://floradobrasil.jbrj.gov.br/2010 . Jardim Botanico do Rio de Janeiro, Rio de Janeiro
  5. Torna in alto↑ Hokche, O., PE Berry & O. Huber. (eds.) 2008. Nuovo Catalogo della flora vascolare del Venezuela 1-860. Istituto Botanico Fondazione del Venezuela, Caracas
  6. Torna in alto↑ Dodson, CH, AH Gentry & FM Valverde Badillo. 1985. Flora di Jauneche: Los Rios, Ecuador 1-512. Banca centrale dell’Ecuador, Quito.
  7. Torna in alto↑ Martin, FW & Cabanillas, E. (1976) Leren ( Calathea allouia ), un raccolto radice tuberosa Poco conosciuto dei Caraibi . Economic Botany 30 (3): 249-256
  8. ↑ Vai a:un b c d e Noda, H.; CR Il bene e il DF Silva Filho Leren (Calathea allouia) ; Amazon e l’agricoltura dei Caraibi . Istituto Nazionale di Ricerca dell’Amazzonia, Manaus, AM, Brasile. FAO.
  9. ↑ Vai a:un b c La Rotta, Constanza (1984) Specie utilizzati dalla Comunità Mirana : 273-274. Bogotá: WWF – FEN. ISBN 958-9129-05-6
  10. Torna in alto↑ ” Calathea allouia ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 30 luglio 2015 .
  11. Torna in alto↑ “L’elenco delle piante: un elenco di lavoro di tutte le specie di piante” .

Astrocaryum aculeatum

Astrocaryum aculeatum G.Mey. 1818 è una palma originaria della Amazzonia , il bacino del fiume Orinoco e Trinidad e Tobago . In Venezuela, riceve i nomi comuni di cumare , alcoyure o acaguru . 2

Habitat

Essa cresce in terreni ben drenati meno di 900 metri . Si diffonde semi e spesso piantato in frutteti in associazione con altre piante.

Descrizione

Il tronco è solitaria di 15-28 m di altezza e da 30 a 35 cm di diametro, con spine nere di 15 cm di lunghezza. La corona ha da 16 a 20 eretto lascia fan – a forma, con rachide di 4,5 a 5,5 m di lunghezza, con 60 a 150 coppie di pinnae ciascuno. Erecta infiorescenze con peduncolo 1,5 m, dioica fiori 3 petali vino rosso. Frutta in gruppi di 250, obovoid, ciascuno da 6 a 8 cm di lunghezza con un becco all’apice, da 4 a 5,5 cm di diametro, maturano verde e giallo, arancio o caffè; endocarp di 5 cm con un 3,5 per seme sette millimetri di spessore.

Olio

Il frutto di tucumã è composto da un nucleo legnoso di colore quasi nero, contenente una pasta di mandorle bianca, semi oleosi, molto duro e ricoperta con una pasta di colore giallo-arancio, e poca consistenza oleosa. Ci sono due tipi di oli sono prodotti da questo frutto: polpa esterna di olio e olio di mandorle. 3

industria cosmetica

Tucumán come pasta d’olio è usato per fare sapone. Proprietà per la sua ricca di acidi omega 3,6 e 9 grassi, l’olio è ampiamente utilizzato in cosmetica per l’idratazione della pelle, lozioni per il corpo e prodotti per capelli danneggiati. 4

L’olio estratto dalla polpa contiene 25,6% di acidi grassi saturi e acidi grassi insaturi 74,4% acidi composti palmitico , stearico , oleico , linoleico . Come è ricco di omega 3, 6 e 9 acidi grassi, è un buon idratante e usato in creme idratanti cosmetici pelle, lozioni per il corpo e prodotti per capelli danneggiati. E ‘anche un emolliente eccellente che si estende bene. Il valore di beta-carotene (che è di 180 al 330 mg / 100 g di olio) è più concentrata nell’olio che nella polpa. 5

Usi

Le fibre dei boccioli o giovani foglie sono usate per fare amache , amache , reti da pesca, cesti, bracciali, corde, archi e altri oggetti; rachide con produzione frecce indigene e Pinne Nobilis e alla fine fanno le scope. La polpa del frutto e il seme sono commestibili. I succhi di frutta possono essere fatte e olio di semi viene estratto.

Tassonomia

Astrocaryum aculeatum è stato descritto da Georg Wilhelm Friedrich Meyer e pubblicato nel Primitiae Florae Essequeboensis . . . 265. 1818. 6

etimologia

Astrocaryum : generico nome deriva dal greco astron = “stella” e Karion = “dado”, riferendosistellamodello a forma delle fibre intorno ai pori della endocarpo . 7

aculeatum : appellativo latino significa “spinoso”. 8

sininimia
  • Astrocaryum chambira Burret
  • Astrocaryum Tucuma Mart.
  • Astrocaryum aureum Griseb. & H.Wendl. in AHRGrisebach
  • Astrocaryum candescens Barb.Rodr.
  • Astrocaryum princeps Barb.Rodr.
  • Astrocaryum princeps var. aurantiacum Barb.Rodr.
  • Astrocaryum princeps var. flavum Barb.Rodr.
  • Astrocaryum princeps var. sulphureum Barb.Rodr.
  • Astrocaryum princeps var. vitellinum Barb.Rodr.
  • Astrocaryum Jucuma Linden
  • Astrocaryum manaoense Barb.Rodr.
  • Astrocaryum macrocarpum Huber 9

Riferimenti

  1. Torna a inizio pagina↑ Galeano, G. & R. Bernal. 2005. Palmas (Famiglia Arecaceae o Palmae). Colombia Red Book Pl2: 59-223.
  2. Torna a inizio pagina↑ Malaret, Augusto (1970). Lessico flora e di fauna . Madrid: Comitato permanente della Association of Spanish Language Accademie. pp. vii + 569.
  3. Torna a inizio pagina↑ PESCE, Celestino. Semi oleosi da Amazônia. -Belém: Museu Paraense Emilio Goeldi, 2009.
  4. Torna alla cima↑ BORA, PS et. al:. Caratterizzazione delle frazioni di olio e di proteine di Tucuma (astrocaryum vulgare Mart) di frutta. 2001 Scienza dell’Alimentazione e Technologia, Ourense, Espanha, v. 3, n. 2, p. 111-116.
  5. Torna alla cima↑ BORA, PS et. al:. Caratterizzazione delle frazioni di olio e di proteine di Tucuma (astrocaryum vulgare Mart) di frutta. 2001 Scienza dell’Alimentazione e Technologia, Ourense, Espanha, v. 3, n. 2, p. 111-116.
  6. Torna a inizio pagina↑ ‘ Astrocaryum aculeatum ” . Tropicos.org. Missouri Botanical Garden . Estratto 21 marzo 2015 .
  7. Torna alla cima↑ (J. Dransfield, N. Uhl, C. Asmussen, WJ Baker, M. e C. Lewis Harley. 2008)
  8. Torna alla cima↑ In epiteti botanico
  9. Torna alla cima↑ Sinonimi Kew Estratto 31 luglio 2009
  • Galeano, Gloria . 1991. Le palme della regione Araracuara . Bogotá: Tropenbos. ISBN 95-95378-3-9

© 2017 paolaharris.it

Theme by Anders NorénUp ↑