La collina Autana , ( euwabey o albero della vita in dialetto Piaroa ) è un tepui che si trova nella statale venezuelana di Amazonas , vicino al confine con la Colombia . La collina è una formazione geologica situata nella parte occidentale della della Guayana Shield , nord del Sud America, alle coordinate 04 ° 51’33.61 “N 67 ° 27’05.51” O ). Per gli indigeni Piaroa una montagna sacra (noto come l’Albero della Vita). Nella foto, il Autana è la collina più alta sulle pareti verticali di destra.

Descrizione

Autana è caratterizzato da una base ristretta, una superficie superiore quasi piatta e pareti quasi verticali. Il vertice è di circa 1220 metri (4003 piedi ) di altezza. Essa appartiene alle formazioni conosciute come tepuis , caratteristico delle formazioni di montagne e altipiani cima piatta della Guayana Shield .

La collina Autana ( Wahari – Kuawai ) simboleggia l ‘ “albero della vita” nella storia orale e la tradizione degli indiani Piaroa che abitano la regione. I primi europei che hanno visitato la regione intorno alla collina Autana erano Humboldt e Bonpland nel 1800. Durante 1852-1854 Richard Abete e Alfred Russel Wallace ha fatto numerose osservazioni e raccolte collezioni botaniche. 1 Cerro Autana è il simbolo della regione che include il Cerro Autana Autana per sé, una montagna adiacente più piccolo spesso definito per la “Autanita” la Cuao e fiumi Autana UMaj-AJE e Lago di Leopoldo / Lago Autana .

Il Cerro Autana è stata dichiarata Monumento Naturale nell’anno 1978 che comprendeva anche una parte del fiume Autana e il lago di Leopold. La montagna è conosciuta a livello internazionale per le attività di arrampicata, alpinismo e paracadutismo BASE tipo jumping.

Caratteristiche

Bongo sul fiume Autana e nei pressi del colle omonimo.

Il Cerro Autana come le altre montagne della regione sono i resti di un grande altopiano di arenaria che in precedenza ricoperto un complesso basale di granito tra il confine settentrionale del bacino del Rio delle Amazzoni e il bacino del fiume Orinoco Superiore, tra la costa l’Atlantico e il fiume nera. La topografia tipica di una superficie piatta sulla cima della montagna si forma quando l’acqua filtra attraverso le articolazioni nei piani di stratificazione, si dissolve cemento silicei, quarzite e grandi blocchi disaggrega crollo lasciando pareti quasi verticale e accumulando complesso di rocce della piedi delle ripide pareti. L’acqua filtrata è sistemi fluviali sotterranei con sistemi complessi di grotte e gallerie. Spesso, l’acqua emerge nelle zone aspre formano cascate. 2 Il Cerro Autana, anche se composto da strati quasi orizzontali di arenaria, contiene le grotte e le altre formazioni carsiche che si verificano di rado nelle rocce calcaree non. Tali formazioni sono il risultato della dissoluzione di complessi cementato arenaria contenente certe proporzioni di parti calcare contengono una percentuale maggiore di carbonato di calcio. Questo processo lascia grandi lacune a Cerro Autana si manifestano come caverne interconnessi e un ampio spazio con un soffitto a volta. Questa sala a volta ha due aperture disuguali che trafiggono il fianco della montagna e si affacciano modellato balcone sulle pareti verticali. Una di queste aperture è così piccolo che non possono essere identificate dalla base della montagna. Alcuni dei passaggi cavernosi sono crollati negli ultimi anni. Un particolare tipo di quarzite trovato nella caverna principale è sveita, nome dato in riconoscimento della venezuelana Società Speleologica cui membri raccolto i primi campioni. 3 4

Esplorazione

Le grotte sono stati esplorati nel 1970 da Charles Brewer Carias- e David Nott al loro arrivo sulla cima della collina in elicottero e scale verso il basso con le corde. Autana fu scalato nel 1974 da Stephen Platt, David Nott, Wilmur Perez e Carlos Reyes con un percorso sulla parete nord, con un aumento di 610 m (2.000 piedi). L’aumento è durato tre giorni, e il gruppo ha trascorso quattro giorni alzando la mappatura delle grotte prima di scendere dal rappel corda.

Anche se composto da strati quasi orizzontale di arenaria , il Autana contiene grotte e altre formazioni carsiche , che sono rari nelle rocce di pietra calcarea . La ragione di queste formazioni si trova nel fatto che l’arenaria è stato cementato con certe proporzioni di calcare e le parti in cui maggiore proporzione di questo minerale (carbonato di calcio) è stato dimostrato svuotato dalla dissoluzione della stessa, lasciando cave interconnesse e salotto molto grande con un soffitto a cupola che ha colori differenti per la diversa composizione dei minerali che si formano. Questo salone con soffitto a volta è dotato di due aperture disuguali che trafiggono il lato della collina a fianco e si affacciano come una specie di balconi alle pareti verticali della montagna, che ha più di 1,5 km al di sopra del livello del bosco. Anche se una di queste aperture, anche se a lungo, è così piccola che si distingue dal basso, ha aiutato Cap. (AC) Jaime “Jimmy” Marull con ultraleggeri erano per attraversare da un lato all’altro in una manovra rischiosa, che sembra essere stato ripetuto in altre occasioni. Il volo aereo ultraleggero che è stato girato in una serie di film venezuelano Expedition è spiegato e fotografato in un lavoro seminale su questo monumento naturale dal titolo Autana. Montagna Sacra pubblicato nel 1988. 5

Botanica

Tipico di altri tepuis, pareti aperte sono abitate da comunità di piante, tra cui alghe, licheni, muschi e erba bassa. Le pareti verticali sono coperte da colonie di bromeliacee. La maggior parte del vertice è coperto principalmente mediante procedura aperta vegetazione savana senza alberi – come. Ci sono alcuni localizzato con alberi che vanno in altezza da 2,5 a 10 metri e sono sparsi lungo i margini della foresta. Nonostante la relativamente piccola area del vertice ci sono un certo numero di diversi habitat ecologici e microclimi. 6 7 8

Mitologia

Per gli indiani Piaroa, gli abitanti originari della zona, Autana è una montagna sacra (Wahari – Kuawai nel linguaggio Piaroa). Si riferisce come Kuaimayojo, il moncone del ‘l’albero sacro dei frutti dell’universo’. La mitologia Piaroa mitologia afferma “- la parte superiore dell’albero era alto come l’infinito, ei suoi rami erano pieni di frutta che è caduta e ha dato la vita per l’Amazzonia.” Un giorno Wahari (una divinità) e suo nipote Ruayei, che era diventato un lapa (Agouti, Cuniculus PACA), tagliare l’albero per ottenere tutti i frutti di una volta. Ruayei rodeva la base fino a quando l’albero è caduto. I rami che cadevano nelle foreste del nord formano rami fluviali Cuao che è caduto reso le montagne ad ovest di Sipapo, Waichij e Uripikai. Inoltre, il flusso di acqua è stato cambiato e un lago (Autana / Leopoldo) è stata costituita in cima alla montagna est di Autana. In uno dei fiumi, è stato catturato uno Payara (scomberoides Hydrolycus). Cercando di fuggire, il pesce balzò sempre più alti che colpisce il tronco Wahari – Kuawai e formando le grotte Autana. Infine, il Payara attraversato attraverso le montagne che formano la Grotta Grande Autana la cui apertura è conosciuto come il Payara ingresso, e, infine, è sceso al river UMaj-AJE.

Riferimenti

  1. Torna alla cima↑ Huber, Otto e Wurdack, JJ (1984), Storia della botanica in territorio federale Amazonas, Venezuela (Smithsonian Contributi alla botanica; Comune di Washington: Smithsonian Institution Press) esplorazione III, 83 p.
  2. Torna a inizio pagina↑ Briceno, O. Henry e Schubert, Carlos (1990), ‘Geomorfologia della Gran Sabana, Guayana Shield, sud-est del Venezuela’, Geomorfologia, 3 (2), 125-41.
  3. Torna a inizio pagina↑ Martini, JEJ (1980), ‘Sveite, un nuovo minerale da Autana Cave, Territorio Federale Amazonas, Venezuela’, operazioni della Geological Society of South Africa, 83, 239-41.
  4. Torna alla cima↑ gelo, RL, Erickson, KL, e Kloprogge, TJ (2005), ‘studio spettroscopico vibrazionale del contenitore contenente nitrato idrotalcite mbobomkulite’ Spectrochimica Acta Parte A-molecolare e biomolecolare Spettroscopia, 61 (13-14), 2919- 25.
  5. Torna a inizio pagina↑ The Lost World Balloon Society. Autana. montagna sacra . Caracas: Fundación Eugenio Mendoza – Art Editoriale (separazione dei colori: Graphic Montana), 1988. Prefazione di Pedro Grases
  6. Torna alla cima↑ Heinen, H. Dieter, San Jose, Jose J., e Cavaliere, A. Hortensia (eds.) (1995), Natura e ecologia umana nel neotropicale = natura e l’ecologia umana nel neotropicale (Scientia non Guaianae . 5, Caracas: O. Huber) 425.
  7. Torna alla cima↑ Huber, O. e S. Zent (1995), ‘gli indigeni e la venezuelana Guayana Vegetazione. Alcune considerazioni ecologiche’, a Dieter Heinen (ed), Natura ed Ecologia Umana nel neotropicale (Scientia Guaianae 5: Koeltz Scientific Books), 37-64.
  8. Torna a inizio pagina↑ Steyermark, Julian A. (1974), ‘Il vertice Vegetazione di Cerro Autana’ Biotropica, 6 (1)7-13.