marinus Staphylothermus è una sorta di arco di ordine Desulfurococcales . È un marine ipertermofilo microorganismo anaerobica rigorosa e dipendente zolfo elementare. Isolato da sedimenti e sfiati geotermicifondo dell’oceano. La temperatura ottimale di crescita in terreno minimo è di 85 ° C, mentre in media arricchito è 92 ° C. zolfo elementare è assolutamente necessaria per la crescita e diventa solfuro di idrogeno come prodotto di scarto. Una fonte di nutrienti complessi come estratto di lievito, peptone, estratto di carne oè necessario per la crescita anche.

Morfologia

S. marinus ha una morfologia insolita. A basse concentrazioni di nutrienti diametro cella varia 0,5-1,0 mm uva e grandi gruppi di fino a 100 cellule sono formate, mentre ad alte concentrazioni di nutrienti predominano cellule giganti con diametro fino a 15 mm . La parete cellulare ha anche una struttura inusuale composta da un complesso di glicoproteine chiamati tetrabrachion, che è stabile a temperature elevate e resistenti ai trattamenti chimici che spesso denaturano proteine. Tetrabrachion è composta da uno stelo attaccato alla membrana ad un’estremità e con quattro bracci proiettati perpendicolarmente dall’altra estremità. I bracci interagiscono con altre subunità tetrabrachion per formare un reticolo che copre la cella.

Speciali caratteristiche

S. marinus appartiene a Desulfurococcales fine anche di Aeropyrum PERNIX , la cui sequenza del genoma è stato determinato che rende il confronto possibile tra i due microrganismi. Entrambi gli organismi sono ipertermofilo richiedono esigenze nutrizionali complesse, ma mentre S. Marino è un anaerobio rigorosa che richiede di zolfo per la crescita, A. PERNIX è un aerobio rigoroso che non richiede composti dello zolfo.

Riferimenti

  • Cicicopol, C., Peters, J., Lupas, A., Cejka, Z., Müller, SA, Golbik, R., Pfeifer, G., Lilie, H., Engel, A., e Baumeister, 1999 W. . architetture molecolari del multimerico archeali omologo PEP-sintasi (MAPS) da Staphylothermus marinus. J. Mol. Biol. 290, 347-361.
  • Fiala, G., Stetter, K. O, Jannasch, HW, Langworthy, TA, e Madon, J. 1986. Staphylothermus marinus sp. novembre Rappresenta un nuovo genere di archeobatteri estremamente termofili crescita sottomarino eterotrofi fino a 98 ° C. Sistema. Appl. Microbiol. 8, 106-113.
  • Hao, X. e Ma, K. 2003. requisito minimo per lo zolfo e la crescita di zolfo-dipendente del metabolismo ipertermofilo archaeon Staphylothermus marinus. Archaea 1, 191-197.
  • Peters, J., Nitsch, M., Kühlmorgen, B., Golbik, R., Lupas, A., Kellermann, J., Engelhardt, H., Pfander, J.-P., Muller, S., Goldie, K. Engel, A., Stetter, K.-O., e Baumeister, W. 1995. Tetrabrachion: una filamentosa assemblaggio struttura superficiale delle proteine ​​archaebacterial di stabilità insolita ed estrema. J. Mol. Biol. 245, 385-401.
  • Stetefeld, J., Jenny, M., Schulthess, T., Landwehr, R., Engel, J., e Kammerer, RA 2000. cristallo struttura di un naturale parallelo mano destra tetramero serpentina a spirale. Nat. Struct. Biol. 7, 772-776.