Il termine vita aliena si riferisce alle molte forme di vita che potrebbe aver avuto origine, esistite o esistono ancora altrove nel l’ universo , al di fuori del pianeta Terra . Una parte crescente della comunità scientifica è incline a considerare che ci possa essere una qualche forma di vita extraterrestre in luoghi dove le condizioni sono favorevoli, anche se generalmente si ritiene probabile che esista la vita solo in modi di base. Un’ipotesi alternativa è panspermia , il che suggerisce che la vita potrebbe sorgere in un posto e poi diffusa tra gli altri pianeti abitabili. Queste due ipotesi non si escludono a vicenda. Si è ipotizzato forme di vita aliene che vanno dai batteri, che è la posizione di maggioranza, ad altre forme più avanzate della vita, che possono aver sviluppato l’intelligenza di qualche tipo. La disciplina che studia le caratteristiche di fattibilità e possibili di vita extraterrestre si chiama esobiologia .

A causa di questa mancanza di prove a favore o contro, qualsiasi approccio scientifico al tema prende sempre la forma di ipotesi e stime. Anche se va notato che il problema ha anche un sacco di informali e para – teorie scientifiche, facilmente superare i criteri di qualsiasi epistemologia scientifica , per esempio, fare dichiarazioni non falsificabile secondo per il criterio di Popper , e sono quindi considerati pseudoscienza .

Biochemistry

Tutta la vita sulla Terra richiede elementi chimici, idrogeno , ossigeno , carbonio , azoto , zolfo , fosforo , e molti altri piccoli importi, come alcuni minerali ; Richiede aggiunta di acqua liquida come solvente in cui le reazioni avvengono. Sufficiente quantità di carbonio e altri elementi costitutivi della vita, insieme con acqua, consentirebbe la formazione di microrganismi su altri pianeti vivente con una sostanza chimica, pressione e simili a quelli della temperatura terrestre. Come la Terra e gli altri pianeti sono realizzati in “Stardust” è molto probabile che gli altri pianeti si formano con una tale una composizione di elementi chimici che a terra. La combinazione di carbonio e acqua in forma di carboidrati , quali zucchero , può essere una fonte di energia chimica in cui dipende la vita, mentre allo stesso tempo fornisce struttura e genetiche elementi codifica [ citazione necessaria ] . L’acqua pura è utile perché essa ha un pH neutro a causa della continua dissociazione tra loro ioni di idronio e idrossido . Come un risultato, si può sciogliere entrambi i tipi di positivo (metallo) e ioni negativi (non – metallici) con uguale abilità.

A causa della sua relativa abbondanza e l’utilità nel sostenere la vita, molti hanno ipotizzato che tutte le forme di vita, ovunque si verifichino, anche userebbero questi materiali di base. Ancora, altri elementi e solventi possono fornire qualche base di vita. E ‘stato indicato il silicio come una possibile alternativa al carbonio ; sulla base di questo elemento, essi hanno proposto modi di vita con una morfologia di cristallo, teoricamente in grado di esistere in condizioni di alta temperatura, come i pianeti che orbitano molto vicino alla sua stella .

È stato anche suggerito forme di vita basate in altri solventi, poiché ci sono composti chimici in grado di mantenere il suo stato liquido in diversi intervalli di temperatura, estendendo così le zone viventi considerate vitali. Ad esempio, la studiato ammoniaca come un solvente alternativo all’acqua. La vita in un oceano di ammoniaca potrebbe apparire in un pianeta molto più lontana alla sua stella. 1

Tecnicamente, la vita è fondamentalmente una reazione che si replica, in modo che sotto questa semplice premessa potrebbe derivare vita in un’ampia gamma di condizioni e ingredienti diversi, ma il modo carbonio-ossigeno sembra la più ottimale e conduttivo. Ci sono teorie anche su auto – replicanti reazioni che potrebbero verificarsi nel plasma di una stella, anche se questo sarebbe una sorta di vita altamente estrema e non convenzionale.

Letteratura

C’è stato un drammatico cambiamento nel modo di pensare, con l’invenzione del telescopio e la eliocentrica . Una volta che è apparso chiaro che la Terra era solo un pianeta fra innumerevoli corpi dell’universo, la teoria della vita extraterrestre ha cominciato a diventare un problema nella comunità scientifica. Uno dei primi è stato il filosofo italiano Giordano Bruno , che ha sostenuto nel XVI secolo per un universo infinito in cui tutte le stelle erano circondate dal proprio sistema planetario , sarebbe essere altri mondi con “non meno virtù o di natura diversa da quella della nostra terra “, e, come la terra,” che contengono gli animali e le persone. ” 2

La possibilità di vita extraterrestre era un luogo comune del discorso istruiti nel XVII secolo , anche se il poema Paradise Lost (1667) Milton cautela impiegato questo quando l’ angelo suggerisce di Adamo la possibilità di vita sulla Luna :

I suoi spot tu vedi
Come le nuvole, pioggia e nuvole maggio, verifica e pioggia
Frutta nel suo terreno ammorbidito, per un po ‘mangiare
Assegnato lì; e altri soli, forse,
Con loro lune ne conseguono, tu scorgere,
Comunicare luce maschio e femmina,
Quali sono i due grandi sessi animano il mondo,
Memorizzate in ogni Orb Forse che con qualche live.
Le sue stampe hanno visto
Come le nuvole e le nuvole di pioggia verso il basso, e produrre la pioggia
Frutta in terreno ammorbidito, per alcuni che divorano
Assegnato lì; insieme ad altri soli, forse,
Con le sue lune che ne conseguono, appassiscono,
Comunicare le loro luci maschili e femminili,
Che due grandi sessi animano il mondo,
Ospitato in ogni Orb forse con un po ‘che vivono.

Fontanelle ampliato il regno creativo del Creatore, invece di negare, nel suo libro Conversazioni sulla pluralità dei mondi . E Escursione “(1728), David Mallet esclamò:” Diecimila mondi fiammata; ognuno con la sua carica / mondi popolati. ”

Nella letteratura, un altro esempio potrebbe essere L’altro mondo: le società ei governi della Luna , il poeta Cyrano de Bergerac , in cui le società aliene sono presentati come parodie umoristiche o ironiche della società terrena.

Nel 1752 , Voltaire ha pubblicato il racconto Micromegas , avanzando molte delle nozioni che poi vengono ricorrentemente espressi nella fantascienza emergente e contemporanea. In particolare, l’idea che gli stranieri possono viaggiare tra le stelle e venire sulla Terra (finora come a suggerire qualche propulsione luce, simile ad una vela solare ), che sono diversi dagli esseri umani fondamentalmente (in questo caso, dimensioni, durata e la quantità dei sensi).

Il genere di fantascienza sviluppato nel corso del XIX secolo, con Jules Verne in intorno alla luna (1870), che prevede una discussione sulla possibilità di vita sulla luna, ma con la conclusione che essa è sterile, e la guerra mondi di HG Wells (1898), con l’idea popolare di “invasione marziana”.

approcci scientifici sulla vita extraterrestre

Articolo principale: Esobiologia

Perché è un fenomeno che al momento rimane sostanzialmente al di là della portata della scienza ( in assenza di dati, e quindi la possibilità di sperimentare e rifiutare l’ipotesi), non vi è alcuna disciplina “formale” che studia la vita alieni, o qualsiasi curriculum esperti del mondo accademico che lo compongono. Coloro che hanno affrontato l’argomento in un modo scientifico di solito sono esperti in vari settori, per interessi puramente personale hanno sviluppato ipotesi sulle possibilità di vita su altri mondi, e hanno condiviso le loro opinioni attraverso alcuni mezzi. Tuttavia, c’è stata una quantità enorme di lavoro e gravi pubblicazioni in materia, in modo che si può parlare di una quasi-scientifica dedicata allo studio e teorizzare su questo fenomeno, nonostante la mancanza di prove. Il proto-scienze della vita extraterrestre si chiama esobiologia o astrobiologia , ed essenzialmente dedicato a speculare sui limiti entro i quali, in base alle nostre conoscenze scientifiche, potrebbe essere la vita.

Domande e argomenti

Ci sono molte domande su come potrebbe essere la vita extraterrestre, per i quali la scienza non ha ancora rispondere, come ad esempio:

  • Non potrebbe essere basato su di carbonio ? (Ad esempio, si basa sul silicio ?)
  • Qual è la probabilità che la vita ad evolversi, e in quale livello di complessità (unicellulari, pluricellulare, intelligente, tecnologicamente avanzato)?
  • Quali sono le condizioni richieste per l’evoluzione della vita?

I critici di questa idea che ci possa essere vita extraterrestre indicano che esso non è ipotizzare scientifica circa sconosciuta o testati, come ad esempio forme di vita che sono non sulla base dei fatti di carbonio , ecosistema avanzato rispetto ricco gas ormonali , o pianeti biosfere significativamente diverso da quello della propria terra ( la temperatura media , specie di stella in orbita satelliti, geologia, ecc).

principio di mediocrità

Articolo principale: Principio di mediocrità

Perché l’unico esempio di vita che conosciamo nel universo è la vita sul pianeta Terra , coloro che sono interessati al tema seguendo un approccio razionale di solito seguono il principio scientifico di mediocrità , dicendo che la vita sulla Terra non è un caso speciale, e quindi la vita come noi sappiamo che può essere considerato un esempio tipico di ciò che la vita sarebbe ovunque. Questa presunzione è importante perché determina fortemente le azioni che intraprendono che cercano di dimostrare scientificamente l’esistenza della vita oltre la Terra. Questo principio di mediocrità, nonostante il suo stato di ipotesi, può avventurarsi alcune previsioni circa i possibili attributi della vita extraterrestre. In particolare, si è riconosciuto che ci sono caratteristiche universali della vita. Ad esempio, si è accettato che l’ evoluzione darwiniana è universalmente valida, e che qualsiasi potenziale creatura vivente deve le sue caratteristiche ad un processo di selezione naturale , sia sulla Terra e altrove in nell’universo.

Ci sono altri attributi o caratteristiche quasi universali in specie, se ripetuta in forme diverse nelle diverse specie nella biosfera atterrare un processo caratterizzato come evoluzione convergente – sono considerati come altamente probabile in una biosfera aliena ipotetica. Queste funzionalità includono la comparsa dei sensi , le arti adattati per diversi media e, molto probabilmente, la fotosintesi quando discuteremo il regno vegetale.

In questo senso, non vi è una grande diversità di forme che potrebbe prendere la vita extraterrestre. Ci sono altri attributi più particolari che vengono spesso dati per scontati, ma gli esperti dicono che non sarebbero, come nessuno meglio di altri rispondono ad una necessità evolutiva, e non si verificano in tutte le specie presenti nello stesso habitat, così che questi possono variare o potrebbero non esistere, tali organi come la mano umana, o di una posizione di occhi , il naso e la bocca simile a umano. Ci sono anche altri attributi, tra cui ad esempio l’ ossatura , che anche se considerata una necessità per le creature di una certa dimensione, potrebbe essere molto diverso da quello che conosciamo. Per esempio la colonna vertebrale sarebbe un’invenzione terreno, poiché non si verifica in tutti gli organismi sul pianeta Terra.

I critici di questa ipotesi di evoluzione convergente indicano che per questo ci deve essere, tra l’altro, condizioni ambientali molto simili che statistica è molto difficile da verificarsi, perché non si conosce l’esistenza di pianeti con biosfere significativamente simili a della terra .

ipotesi Terra Speciale

Articolo principale: Ipotesi Terra speciale

In contrasto con il principio di mediocrità, sono quelli che sostengono che la vita sulla Terra non è un caso mediocre, e che le condizioni necessarie per il loro aspetto sono così unico e speciale che potrebbe essere possibile che ci sono pochissimi, o anche solo una pianeta con la vita nell’universo: Terra.

I fautori di questa ipotesi sostengono che la vita sulla Terra , e in particolare la vita umana, sembrano a dipendere da una lunga ed estremamente fortunata catena di eventi e circostanze che potrebbero benissimo essere irripetibile anche su scala cosmica. Ad esempio, è menzionata regolarmente senza una luna grande come quello con la Terra, il pianeta tenderebbe a fare una precessione molto più importante, modificando radicalmente tilt nella loro rotazione e incidendo in modo caotico clima e probabilmente , il che rende la vita impossibile, come noi sappiamo che .

Altre coincidenze fortunate apparenti, tra cui il fatto che il Sole è in un luogo di sono anche menzionati Via Lattea relativamente priva di supernove , in contrasto con il centro galattico , o che il sole è la dimensione giusta per fornire sufficiente energia, e durano a lungo abbastanza così che è apparsa la vita.

Un’altra occasione positiva per la vita sulla Terra è l’esistenza di un pianeta delle dimensioni di Giove , come del libro gli autori Rare Earth in un’orbita stabile, quasi circolare e sufficiente distanza dalla Terra per catturare numerose comete e asteroidi altrimenti, sarebbero terminare impatto con il pianeta, rovinando tutti i tipi di vita incipiente. Questi, tra le molte altre coincidenze, separatamente possono sembrare banali, ma insieme hanno rendere la terra un posto cosmicamente speciale .

Tuttavia, dal momento che la fine del XX secolo , e il risultato di nuove scoperte, come ad esempio l’esistenza di molecole organiche nello spazio, la presunta esistenza di un oceano di acqua liquida in Europa , tre o fatto dimostrato che i pianeti extrasolari sono relativamente comuni, e che quindi alcuni di loro potrebbero presentare condizioni possibili per la vita, hanno reso questa ipotesi è più condivisa da gran parte della comunità scientifica.

Altre teorie

La panspermia è la teoria che la vita sulla Terra è venuto dallo spazio, ipotizzando che la vita è venuto da altri corpi celesti (forse pianeti extrasolari ) nel la forma di spore , viaggiando in meteore e polvere cosmica che sarebbe stato gettato nel vuoto da collisioni meteorica . Una variante di questa teoria, che afferma che la vita è strettamente nativa per il sistema solare , ma che si è diffuso sulla Terra (o anche dalla Terra ad altri organi) attraverso le spore di meteore; questa teoria si chiama Transpermia . Tuttavia, accettando, naturalmente, la validità delle teorie di cui sopra, non dobbiamo perdere di vista di un altro approccio scientifico di vita extraterrestre: la ricerca di segnali radio provenienti dallo spazio profondo. Negli ultimi mesi, è stato detto e scritto circa la cattura di segnali provenienti da galassie apparentemente molto distanti. Tuttavia, esso è necessario per attendere attraverso la metodologia della ricerca scientifica, si rifiuta o, beh, corrobora che questi segnali sono reali.

La speculazione su possibili forme di vita extraterrestre, soprattutto intelligente, e le possibili civiltà e le relazioni con gli esseri umani sono stati e sono rivolte anche da fantascienza e l’ufologia .

Ricerca di vita extraterrestre

Gli scienziati cercano di vita extraterrestre in tre modi principali:

  • Ricerca diretta , vale a dire, l’osservazione della vita microbica o qualsiasi tipo di corpi celesti che l’umanità viene a visitare.
  • rilevamento indiretto , o il rilevamento delle caratteristiche o segni distintivi della vita su corpi celesti attraverso i telescopi avanzati.
  • Ascoltare segnali artificiali , che rileva veri civiltà extraterrestri che emettono radiazioni elettromagnetiche come sottoprodotto del loro avanzamento tecnologico.

Ricerca diretta

fonti Encelado; immagine ottenuta da Cassini / Huygens

Perché, in pratica, l’unico corpo celeste che gli esseri umani possono visitare sono quelli del nostro sistema solare , la ricerca diretta per la vita extraterrestre è stato limitato a tale sistema; trovare la vita soprattutto microscopica, sia fossili o attivo. Tuttavia non tutti i corpi in del sistema solare è considerato adatto per la presenza della vita. Attualmente è considerato come la ricerca di potenziali bersagli:

  • Mars , un ‘idea sostenuta dalle somiglianze passati e presenti teorizzato tra la Terra e il pianeta: soprattutto il già confermato la presenza di acqua in abbondanza e una densa atmosfera in un lontano passato. Questi fatti, e la relativa vicinanza di Marte, hanno causato ad essere il corpo celeste esplorato dalla astrobiologia : già alla ricerca di prove di attività biologica su Marte durante le missioni Viking 1 e Viking 2 della NASA , con risultati alterni, ma di solito considerati negativi. Vi è una notevole polemica circa questa prova della vita dell’esistenza di microbica su Marte. Un esperimento del lander vichingo Marte ha riferito le emissioni di gas dal suolo marziano riscaldata che alcuni sostengono siano coerenti con la presenza di microbi. Tuttavia, la mancanza di prove o conferme da parte di altri esperimenti nel vichingo Lander Marte suggerisce che una reazione non biologica è ipotesi più accurata.
  • Meteoriti provenienti da Marte che sono caduti sulla Terra : a causa della relativa vicinanza tra Marte e la Terra e bassa gravità marziana, viene accettato come un dato di fatto che alcune meteore sono rocce marziane espulsi da shock meteoriche maggiore, che dopo aver vagato per milioni di anni nello spazio, si scontrano per caso contro il nostro pianeta. Il 6 agosto del 1996 , gli esperti della NASA ha rivelato pubblicamente che un meteorite di tale chiamato ALH84001 , che si trova in Antartide , ha mostrato evidenza di possibile attività biologica microscopica; in particolare, rimane come batteri fossilizzati. Questo studio è stato ampiamente dibattuto e criticato nelle sue conclusioni, rimanendo fino ad oggi nella controversia.
  • La luna di Giove, Europa : dal passaggio delle missioni Voyager 1 e Voyager 2 si ritiene che l’Europa ha un oceano di acqua liquida diversi chilometri di profondità sotto il ghiaccio che copre la sua superficie. A causa del fatto provato che le forze di marea e orbitale risonanza riscaldamento causa Io (il più grande luna più vicina a Giove), causando vulcanismo , si è creduto che l’Europa avrebbe presentare una simile attività vulcanica, essendo il secondo in lontananza subito dopo Io . Pertanto, si ritiene che ci potrebbero essere fonti di calore e gli scarichi di sostanze chimiche in quell’oceano. Sulla Terra esempi di ecosistemi sono noti abissale attività geotermica dipendono per il loro sostentamento, in modo che tale una possibilità, in Europa non può essere esclusa, anche i maggiori esperti a proporre una missione senza equipaggio per l’Europa , che consiste di un atterraggio sonda e un sottomarino robot in grado di penetrare lo spesso strato di ghiaccio. 3 Questa missione non è attualmente in eventuali piani dell’agenzia spaziale, e realizzati, diversi decenni si terrà in futuro.
  • La luna Encelado da Saturn . Durante la missione Cassini-Huygens della NASA e l’ESA si è scoperto che Encelado espelle grandi quantità di acqua nello spazio attraverso enormi geyser , rivelando la presenza di una attiva Cryovolcanism e una probabilità molto alta di serbatoi di acqua liquida sotto la superficie ghiacciata. Encelado è una sorpresa per astrobiologia e planetologia , perché nessuno si aspettava di trovare tale attività su tale una piccola luna; ma ora gli esperti ritengono che potrebbe essere ancora più probabile che l’Europa come un luogo per la ricerca per la vita, si ritiene che i suoi strati di ghiaccio di superficie sono molto più sottili, rendendo più facile per accedere alla falda. Il fatto noto che l’acqua fuoriesce nello spazio è la prova di questo.

Ricerca indiretta

Terrestrial Planet Finder – Un telescopio spaziale progetto dedicato fotografato pianeti extrasolari .

Grazie alla capacità di recente acquisizione di individuare pianeti extrasolari , o esopianeti orbitanti stelle altri del nostro sole , tra la comunità astronomica ha generato un forte interesse per la scoperta di mondi simili per dimensioni e proprietà alla Terra ; pianeti che sono appena iniziando a essere rilevati. Vi è anche un forte interesse per la possibilità di osservare in realtà tali mondi utilizzando molto più sofisticato di quei telescopi attualmente disponibili.

Ad oggi non è solo un esempio di osservazione diretta di un pianeta extrasolare ( vedi GQ Lupi ); e anche se sta diventando possibile per individuare pianeti di dimensioni pari alla Terra ( vedi Gliese 876 ) in altri sistemi , ottenere immagini di loro non è ancora possibile, perché gli strumenti a disposizione non sono abbastanza sensibili per separare la luminosità enorme stella dei loro pianeti. Questo potrebbe cambiare in un prossimo futuro, quando i telescopi come il Terrestrial Planet Finder della NASA o progetto Darwin della ESA diventano operative. Tra le funzioni di tali dispositivi è quello di ottenere fotografie di pianeti e rilevare le proprietà fondamentali della stessa, come la temperatura, o la presenza o assenza di atmosfera, così come i dettagli sulla sua composizione (per spettroscopia ).

Ci sono quelli che credono che tali metodi adeguati per rilevare mondi paralleli dove ci sono paragonabili a quelli presenti sui processi biologici della Terra. L’idea è supportata dal fatto che la luce riflessa nostro pianeta porta “contrassegna” che rivelano la presenza della vita; per esempio, la presenza di elevati livelli di ossigeno , e alcune variazioni dello spettro infrarosso, rivelando la presenza di vegetazione.

Naturalmente, tali metodi di rilevamento presuppongono che la vita sulla Terra è un caso mediocre, e che le caratteristiche della luce riflessa dalla Terra sono condivisi da tutte le istanze. Questo metodo di rilevamento ha il vantaggio di consentire la rilevazione di mondi con vita primitiva (e non trasmettere onde radio come previsto il SETI ), purché la vita è cambiata l’atmosfera, analogo a come la vita ha cambiato la Terra s ‘ atmosfera sin dal suo inizio.

Ascoltare i segnali artificiali

D’ l’ altra parte, è teorizzato che qualsiasi società tecnologica verrà informazioni trasmettendo: radiazione elettromagnetica generata dall’uomo sono rilevabili in un raggio di oltre 50 anni luce dalla Terra , e sono in continua espansione. Il progetto SETI ( Search for Extraterrestrial intelligenza ) o “Search for Extraterrestrial Intelligence”, analizza i dati raccolti da grandi radiotelescopi e analizza loro guardando i modelli artificiali utilizzando supercomputer , così come un grande progetto di calcolo distribuito in tutto il mondo; SETI @ home . Fino ad oggi, tuttavia, solo il Wow segnale! È stato notevole in questa ricerca.

messaggi Aimless

Nel corso del tempo hanno anche prodotto una serie di iniziative nel la direzione opposta: non per cercare il segno di una possibile intelligenza extraterrestre, ma per informare la nostra presenza ai potenziali civiltà che sono in ascolto. Il primo è stato chiamato messaggio di Arecibo , pubblicato nel 1974 verso l’ammasso stellare M13 . A bordo delle sonde Pioneer 10 (verso la stella Aldebaran ) e Pioneer 11 (in la direzione della costellazione dell’Aquila ) sono due messaggi separati ( vedi Pioneer placca ) per una possibile civiltà extraterrestre che potrebbe intercettare le sonde. Lo stesso vale nel caso di Voyager Golden Record , sulle sonde Voyager 1 (in la direzione della costellazione Ofiuco ) e Voyager 2 (verso la stella di Ross 248 ). Più recentemente, nel 2008 , un team di scienziati ucraini messaggi inviati verso il sistema Gliese 876 . 4 Il 5 febbraio dello stesso anno alle 0:00 UTC NASA trasmesso la canzone ” Across the Universe ” della band inglese The Beatles in la direzione della stella Polaris che si trova a 431 anni luce dalla Terra, utilizzando un’antenna 70m nel DSN è alla periferia di Madrid per celebrare il 50 ° anniversario della NASA, il 45 ° anniversario della Spacial Network profonda (DSN) e il 40 ° anniversario della canzone. 5

Diversi scienziati del SETI hanno avvertito che il tentativo di contattare civiltà extraterrestri ipotetico invio di trasmissioni radio nello spazio è spericolato, non scientifico, etico e potenzialmente catastrofici. 6

Riferimenti

  1. Torna in alto↑ “Ricerca di vita come noi non lo so” (in inglese) . Settembre 2009 . Richiamato il 21 settembre 2009 . parametro sconosciuto ignorato ( aiuto ); |urltrad=
  2. Torna in alto↑ Giordano Bruno: nell’universo infinito e mondi (De l ‘infinito universo e mondi) introduttivo epistola terzo dialogo argomento
  3. un bVai a: “un sottomarino per l’Europa” (in inglese) . Agosto 2007 . Richiamato il 21 settembre 2009 . parametro sconosciuto ignorato ( aiuto ); |urltrad=
  4. Torna in alto↑ messaggi inviati a Terra un mondo alieno
  5. Torna in alto↑ [1]
  6. Torna in alto↑ astronomi SETI avvertono che inviano messaggi nello spazio è potenzialmente catastrofico

Riferimenti

  1. Asimov, Isaac , civiltà extraterrestri , Corona (12 dicembre 1988). ISBN 0-517-53075-9 ISBN 978-0-517-53075-7
  2. Ward, Peter e Brownlee, Donald, Rare Earth: perché la vita Complex è comune nell’Universo . Ed. Springer, 2003 ISBN 0-387-95289-6
  3. Sagan, Carl , Cosmos . Random House, 1980. Random House di New Edition, 7 maggio, 2002, ISBN 0-375-50832-5
  4. Michio Kaku La fisica di civiltà extraterrestri